Cerca

Vallanzasca esce dal carcere

Il "bel Renè" lavorerà in una pelletteria a Milano

Vallanzasca esce dal carcere

Alle 9 di questa mattina è iniziata per Renato Vallanzasca la prima giornata di lavoro esterno al carcere. Il “bel Renè”, esponente di spicco della mala milanese, condannato a quattro ergastoli e 260 anni di reclusione per omicidi, sequestri, rapine ed evasioni, a quasi 60 anni esce dal carcere per lavorare.

Dopo quattro decenni passati dietro le sbarre – fatta eccezione per i periodi di fuga – Vallanzasca usufruisce di un permesso in base all’art. 21 dell’ordinamento penitenziario. Ogni mattina alle 7 lascerà il carcere di Bollate in cui è recluso (dopo sei mesi di differimento pena per ragioni di salute), si recherà nella pelletteria milanese Ecolab gestita da una cooperativa sociale e farà rientro in prigione alle 19.

Stamani in realtà non è uscito dal carcere, ma è andato direttamente in ditta da casa, accompagnato dalla moglie, visto che nel fine settimana gli era stato concesso un permesso premio. In carcere a Bollate rientrerà questa sera. Finora gli erano stati concessi solo permessi per incontrare la madre anziana, sposarsi e seguire le riprese del film biografico diretto Michele Placido.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eloisaspada

    12 Aprile 2012 - 01:01

    Dopo tanti anni di privazione di libertà ha dimostrato di essere cambiato,lasciamolo libero...in bocca al lupo Renato,goditi finalmente la tua famiglia.

    Report

    Rispondi

  • sendero

    08 Marzo 2010 - 21:09

    sono cointento che vallanzasca sia uscito di galera...almeno è stato un bandito dignitoso e leale non come i mafiosi vigliacchi e infami

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    08 Marzo 2010 - 17:05

    Dunque Vallanzasca condannato a 4 ergastoli, dopo varie evasioni, esce dopo 40 anni per buona condotta. Potrebbe anche essere giusto ma, mi sento preso in giro. Sarebbe più onesto abolire la pena dell'ergastolo, tanto non viene mai applicata: solitamente un giudice buono si trova sempre, se non si è di una certa idea politica. Molto più onesto sarebbe condannare ad un massimo di x anni, che potrebbero aumentare di y anni se il delinquente si comporta male in prigione. Mai la riduzione della pena. Ho detto la mia cassata quotidiana? Però non mi piace chi mi prende in giro. Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog