Cerca

Tangenti, Prosperini tenta il suicidio

L'ex assessore regionale al Turismo e allo Sport della Lombardia è in arresto per corruzione

Tangenti, Prosperini tenta il suicidio
Piergianni Prosperini, ai domiciliari, ha tentato il suicidio. L'ex assessore regionale al Turismo e allo Sport della Lombardia si sarebbe procurato delle ferite alle braccia e alle gambe mentre scriveva lettere indirizzate ai suoi famigliari, in cui spiegava il suo disperato gesto. Gli uomini del 118 sono intervenuti trasportando tempestivamente Prosperini all'ospedale San Carlo di Milano. Le sue condizioni non sono gravi.

Le lettere - Nella lettera alla figlia acquisita dal procuratore aggiunto si legge: "Ti chiedo scusa per il mio gesto, ma considera il suicidio come un fatto da non condannare moralmente". Altre due missive, una indirizzata alla moglie e l'altra ai magistrati, denunciano la "persecuzione giudiziaria", di cui Prosperini si sente vittima.

Tangenti in tv - L'ex assessore  è stato arrestato lo scorso 16 dicembre nell'ambito di un'inchiesta sugli appalti relativi al marketing del turismo nella regione condotta dal pm Alfredo Robledo.  Assieme al patron del gruppo Profit-Odeon Tv, Raimondo Lagostena, e al consulente, Massimo Saini,  Prosperini è stato accusato di corruzione e turbativa d'asta per un presunto giro di mazzette legate alla promozione televisiva della Regione. Alla base del provvedimento, una tangente di di circa 230mila euro che sarebbe stata versata su conti correnti in Svizzera riconducibili allo stesso assessore, già raggiunto da un avviso di garanzia per truffa nel 2008.

I domiciliari
- Prosperini, dopo aver patteggiato con la Procura tre anni e cinque mesi di reclusione, ha ottenuto gli arresti domiciliari il 17 marzo. Per il gip di Milano, Andrea Ghinetti, "la custodia domestica appare ora idonea a garantire le esigenze cautelari". Nella breve ordinanza il giudice sottolineava che l'imputato ha acconsentito alla "trasmissione in forma semplificata della documentazione bancaria svizzera a lui riferibile, secondo quanto richiesto dal pm". Inoltre "ha messo a disposizione una somma di denaro da destinarsi al risarcimento". Tali elementi sono sufficienti a "ritenere ridimensionate le esigenze cautelari e in particolare quelle attinenti alle indagini". Stando alle dichiarazioni dei legali Ettore Traini e Luigi Rossi, il loro assistito era "molto sollevato e contento di tornare a casa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lettoreLIBERO1

    26 Marzo 2010 - 11:11

    Come si definiva il poveso Prosperini.. Che tristezza ragazzi! Spero ti possa rimettere in fretta. Un saluto

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    26 Marzo 2010 - 11:11

    sa indicarmi per favore un solo caso di intercettazione "casuale" disposta dalla magistratura che hanno colpito la privacy di un comune cittadino? Grazie.

    Report

    Rispondi

  • charlie1

    26 Marzo 2010 - 10:10

    Ricordo anni fa quando un tronfio,arrogante ed ancora leghista Prosperini arringava le folle al grido di una nuova etica contro i corruzione e concussione imperanti nel nostro paese. Come Riccardo Cuor di Leone brandiva la spada contro una classe politica rea di crimini che un uomo come lui mai nemmeno avrebbe immaginato di compiere. Passano gli anni e il Nostro si abitua alla vita indolente dei salotti bene,alle auto blu ed all'arroganza del potere ed....udite udite...viene anche LUI beccato con le dita nella marmellata.Patteggia e dice di ritirarsi per sempre dalla vita politica. Passano poche settimane ed ecco il coup de teatre del suicidio abbozzato. Sig Prosperini se si vuole veramente bene la smetta e si rifugi nell'abbraccio della sua famiglia. Io non partecipero' certo alla sua esposizione al pubblico ludibrio. Carlo

    Report

    Rispondi

  • marino43

    26 Marzo 2010 - 09:09

    Tangenti, Prosperini tenta il suicidio Lettera ai giudici: «Io perseguitato» Scandalo su prezzo farmaci, indagato senatore del Pdl L'accusa dei pm: soldi dalla Ferring a Cursi quando era sottosegretario del ministero della Salute L'Ordine sospende Vittorio Feltri "Colpevole sul caso Boffo" Cavaliere indagato, il fascicolo a Roma Restano invece alla Procura di Trani le indagini su Innocenzi e Minzolini. Le intercettazioni. Per ora le intercettazioni rimangono a Trani, perché legate all' indagine su Innocenzi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog