Cerca

Il gallerista Tadini condannato a 3 anni

Il 50enne milanese è colpevole di detenzione di materiale pedopornografico e tentati atti sessuali con minore

Il gallerista Tadini condannato a 3 anni
Francesco Tadini è stato condannato a 3 anni di reclusione per detenzione di materiale pedopornografico e tentati atti sessuali con minore. Si conclude così il processo col rito abbreviato al gallerista milanese che aveva destato orrore e sgomento.

Tadini, 50 anni, figlio del noto pittore scomparso Emilio, era stato arrestato il 29 aprile scorso con l’accusa di avere avuto rapporti sessuali con una minorenne in cambio di denaro e di detenere un’ingente quantità di materiale pedopornografico, foto e video, tra cui anche immagini di bambini seviziati, torturati, legati con funi e costretti ad atti sadici.

Il gallerista, animatore dello Spazio Tadini, da cui si era dimesso in seguito all’avvio dell’inchiesta della Procura di Milano, è stato assolto dall’accusa, contestatagli in un primo momento, di aver chiesto a una banda di romeni che gli procurassero contatti sessuali con bambine dai 3 ai 10 anni. E’ emerso, infatti, che non era la voce di Tadini quella dell’uomo che chiedeva rapporti con piccole vittime.

Il pm Antonio Sangermano aveva sollecitato una pena di 4 anni e 8 mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog