Cerca

Milano, nel 2010 è boom di disoccupati e cassa integrati

I dati della Camera del Lavoro. Metalmeccanico e edilizio i settori più in difficoltà

Milano, nel 2010 è boom di disoccupati e cassa integrati
Sono quasi 150mila le persone coinvolte nella crisi economica e occupazionale a Milano e provincia, dall’inizio del 2010. Tra questi, 90mila sono in cassa integrazione, 25mila sono iscritti nelle liste di mobilità, 10mila sono precari (legati soprattutto al settore scolastico) e 25mila inoccupati, soprattutto tra i giovani e i laureati.

Questi i dati sull’occupazione nel capoluogo lombardo della Camera del Lavoro, presentati questa mattina dal segretario generale Onorio Rosati.

Il ricorso alla cassa integrazione segna un +213%. Nei primi mesi del 2009 erano 26 milioni e 210mila le ore autorizzate dall’Inps; nello stesso periodo del 2010 si è raggiunto il record di 55milioni e 851mila ore. Un cambiamento delle dinamiche occupazionali e dell'aspetto sempre più strutturale della crisi economica è rappresentato, in particolare, dall'aumento di ore di cassa integrazione per gli impiegati (+12% circa). A soffrire è soprattutto il settore industriale (+190% di ore autorizzate rispetto al 2009). Le situazioni peggiori sono quelle registrate nel comparto metalmeccanico e in quello edilizio. Problemi anche per il settore dell’editoria e del commercio. Meglio il settore chimico, che nelle ultime settimane sta registrando una leggera attenuazione.

Gli iscritti alle liste di mobilità sono aumentati di 5mila unità in più rispetto a giugno del 2009, 11mila se si guardano i dati dell’ottobre 2008.

In crescita anche la disoccupazione, che nel secondo trimestre del 2010 ha raggiunto il 6,3%, 2,5 punti percentuali in più rispetto agli ultimi due anni.

“In questi giorni si legge di un'uscita dell'Italia della crisi. Stando a questi dati - ha commentato Rosati - non mi pare proprio che la crisi a Milano sia finita, anzi pare che gli effetti più pesanti dal punto di vista occupazionale si stiano manifestando proprio in questo periodo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattotigrato

    15 Settembre 2010 - 13:01

    Si è vero che nell'edilizio aumentano i disoccupati italiani, ma aumentano gli occupati rumeni visto che i palazzi ormai crescono storti.

    Report

    Rispondi

blog