Cerca

Milano mette il cappello: in mostra il cinema di Borsalino

Alla Triennale fino al 20 marzo scene e personaggi del grande schermo legati al celebre accessorio

Milano mette il cappello: in mostra il cinema di Borsalino
Alla Triennale si racconta l’esclusivo rapporto che da sempre lega il cinema con il cappello, tra modelli importanti e scene cult
Cinema e costume. Due realtà che inevitabilmente si fondono beneficiando l’una dell’altra. Un costume nel cinema racconta di un’epoca storica, di un’atmosfera, e persino del carattere di un personaggio,  e un accessorio come il cappello può arrivare a giocare la parte del protagonista nella costruzione della personalità di un personaggio determinandone le diverse sfumature.
In fondo Indiana Jones senza il suo cappello sarebbe stato così credibile? Probabilmente no, e chissà se Humphrey Bogart col solo impermeabile sarebbe stato ugualmente affascinante in Casablanca. Senza contare l’importanza della bombetta di Charlot, che nell’epoca del muto in pellicola ha contribuito a riempire di parole l’atmosfera dei suoi film. Borsalino lo sa bene, importante com’è stato per la cinematografia internazionale, tanto da diventare lui stesso protagonista del titolo di alcuni film (Borsalino e Borsalino & co, entrambi realizzati da Jacques Deray negli anni ‘70) e confermando l’accessorio-icona come un must dell’abbigliamento quotidiano così come  del costume cinematografico.
Proprio su questo particolare rapporto d’amore e completamento fatto di poesia e gesti teatrali indaga la mostra "Il cinema con il cappello: Borsalino ed altre storie" ospite della Triennale di Milano fino al 20 marzo. L’esposizione, curata da Elisa Fulco e Gianni Canova, accoglie il pubblico in un grande cilindro che, al pari di una fantascientifica macchina del tempo,  trasporta il visitatore all’interno del mondo Borsalino e alla scoperta del ruolo chiave che il cappello ha assunto in alcuni film. Così si scopre che non è solo la pistola a fare di un attore un vero cowboy, ma molto fa lo sguardo impenetrabile velato dalle falde larghe di un copricapo, e che una spy story non sarebbe poi così misteriosa senza un cappello a generare mistero,  e poi ancora che nel cinema può essere proprio il cappello a dichiarare l’ evoluzione di un suo personaggio, così in Sabrina Audrey Hepburn  semplicemente calzandone uno in testa segna la sua metamorfosi da ragazza impacciata a donna di classe.
La mostra si snoda  poi in altre 4 sezioni, capitoli di un racconto che,  partendo da un percorso emozionale fatto di suggestioni sonore oltre che visive, continuano analizzando  la comunicazione “ non verbale” di alcuni tra gli “scappellamenti” cinematografici più famosi e  i nomi dei modelli più disparati dello storico ed elegante accessorio interpretati da un’installazione, per concludersi poi con la presentazione dei Borsalino più famosi e significativi, il tutto condito con bozzetti di  Jacques Fonteray e un esclusivo inedito cinematografico del 1912 firmato appunto Borsalino.

di Donatella Perrone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog