Cerca

"Via le Br dalle procure". E Bruti Liberati insorge

Milano, polemica su manifesti comparsi vicino al tribunale. La toga: "Terroristi nel pool, ma per ucciderci"

"Via le Br dalle procure". E Bruti Liberati insorge
Toghe rosse? Nemmeno per sogno, secondo il procuratore capo del pool di milano Edmondo Bruti Liberati. La polemica sulla politicizzazione della magistratura si trascina da tempo, e negli ultimi giorni nelle strade di Milano è comparsa una serie di manifesti che lanciano benzina sul fuoco. Venerdì mattina, hanno fatto capolino cartelli con la scritta "via le Br dalle procure". La provocazione, che porta la firma dell'Associazione dalla parte della democrazia, non è stata gradita dal pm Liberati, che  sbotta in un comunicato. Le Brigate rosse? "In procura ci sono state davvero - ha dichiarato il pm - ma per assassinare i magistrati”.

REAZIONI -  Il presidente della Camera, Gianfranco Fini ci va giù pesante parlando di "un autentico delirio". Per il leader di Fli "se c'è un manifesto, ci sarà una paternità di questo, e anzichè alimentare polemiche mi auguro che chi di dovere accerti chi si è preso la responsabilità di stampare una così colossale idiozia". Anche il PdL prende le distanze dall'iniziativa. Per Fabrizio Cicchitto i manifesti su Br e procure sono "del tutto sbagliati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo pinna

    carlo pinna

    29 Maggio 2014 - 08:08

    Gli italiani hanno la memoria corta, o pelosa. Kgb-Cossutta... e tutta la cloaca dei comunisti. Con i genocidi e il totalitarismo dei comunisti, l'Europa ancora non fa i conti, e manipola la storia. Non sono di destra, e non credo in nessun partito. In ogni caso, gente come borrelli, e ora bruti liberati, stanno bene solo esiliati su un isola sorvegliati a vista. Sono il cancro di questo paese.

    Report

    Rispondi

  • ICavani

    20 Maggio 2014 - 23:11

    E' disonesto attaccare la dott.ssa Bocassini dopo che ha fatto il suo lavoro di PM in modo egregio. Si e' sovraesposta facendo il suo lavoro, e a che prezzo personale !!! Anche chi non e' daccorfo dovrebbe usarle rispetto. Avv. Italo Cavani

    Report

    Rispondi

  • autores

    18 Aprile 2011 - 18:06

    20 anni fa' io me ne ero accorta ma non c'e' stato verso,imbottigliata a pacchetto,tutto a pagamento di sicuro di cui nemmeno la Finanza ha lavorato e della Finanza ancora oggi ci sarebbe da ridire. Questi pagamenti illeciti messi in pratica tramite le vincite del Monopolio di Stato dura da troppo.

    Report

    Rispondi

  • spartacus65

    18 Aprile 2011 - 10:10

    Beh è vero che sono di sinistra, comunistoidi nelle idee e politicizzati!! Sono tutti ex 68-ini inquadrati da una certa ideologia marxista. Non cercano la giustizia e la verita' nei processi ma solo l' imposizione della ideologia comunista e sinistroide nelle sentenze. Un potere che disattende le leggi emanate dal parlamento. Un esempio: La legge sull' affido condiviso.La norma afferma che i figli vanno equamente distribuiti nei tempi tra padre e madre (legge dello stato sull' affido condiviso), invece i giudici si "inventano" di sana pianta il cosidetto "genitore prevalente collocatario" in cui il figlio viene totalmente sottratto al padre e dato totalemente affidato alla madre come la legge degli anni 70 sul divorzio. Ecco che i giudici stravolgono le leggi creandosele lo ad personam..anzi ad ideologiam.. E' vero Berlusconi ha ragiome le toghe sono politicizzate, come la scuola pubblica ed i testi!!! Federico milano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog