Cerca

D'Alessio dà buca: "Troppe minacce dalla sinistra"

Gigi non canta per il Pdl e la Moratti a Milano: "E' clima di tensione". Alla Lega: "Certi commenti sulla mia napoletanità mi hanno deluso"

D'Alessio dà buca: "Troppe minacce dalla sinistra"
"Il clima di estrema tensione che si è venuto a creare attraverso i giudizi di chi ha un pensiero politico diverso e i commenti ricevuti da parte di alcuni esponenti della Lega Nord, in quanto napoletano, mi hanno indotto a sospendere il concerto", queste le parole del cantante neomelodico Gigi D'Alessio, chiamato dal candidato sindaco del Pdl, Letizia Moratti, a concludere in grande stile in piazza Duomo una campagna elettorale fatta di alti e bassi. Ma se ci si poteva aspettare qualche sgambetto della sinistra, quello che nessuno sospettava era un'entrata a gamba tesa della Lega, che con alcuni commenti lontani dal politically correct ha provocato il ritiro del provvidenziale D'Alessio. 

LA LEGA E LA SINISTRA - Da subito la decisione di organizzare un grande concerto con l'icona pop aveva suscitato la reazione della sinistra, da sempre abituata a considerare i grandi eventi musicali prerogativa personale (programmato per domani il concerto parallelo di Giuliano Pisapia, candito sindaco del Pd). Ma un leggero imbarazzo si era respirato anche fra le fila del Carroccio, alcuni esponenti del quale mal digerivano che fosse un napoletano a rappresentare il centrodestra lombardo nel momento di massima esposizione mediatica.

FACEBOOK - Certo non hanno alleggerito la tensione i commenti postati sulla pagina Facebook del cantante, in molti casi insulti del tipo: "Mafioso" o "Ti sei venduto ai leghisti". In seguito sono addirittura arrivate le minacce, al punto che il cantante si è trovato costratto a bloccare il profilo e sospendere il programmato concerto in piazza del Duomo a Milano. "Sono stato invitato dal Presidente Berlusconi a festeggiare questa giornata e ho aderito con piacere, ma adesso non mi sento più al sicuro", ha spiegato D'Alessio in un comunicato stampa.

GIGI: "NON PUO' ACCADERE IN UN PAESE LIBERO" -
"Credevo che in un paese libero e democratico - ha aggiunto il cantante napoletano - non accadessero cose come queste. Ciascuno è e deve rimanere libero di esprimere la propria opinione senza per questo offendere nessuno, nè tantomeno essere offeso o ancor peggio minacciato. Sono un libero pensatore e nelle mie canzoni rappresento sempre i buoni sentimenti.Voglio continuare ad essere me stesso e a raccontare storie d'amore, storie che uniscono e che non creano barriere".

MORATTI: "DISPIACIUTA, MA E' COMUNQUE UNA FESTA" -
La decisione di Gigi è stata accolta con estremo dispiacere dal sindaco Moratti: "Mi dispiace, era una bella festa e lo sarà comunque ma mi duole di questa decisione perché Gigi D'Alessio è una bella persona". Soddisfatti si sono detti invece i Verdi napoletani, rimasti profondamente offesi dai commenti irriverenti di qualche esponente della Lega. "Ringrazio l'amico Gigi D' Alessio - ha detto il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, che aveva invitato il cantante a non esibirsi a Milano dopo le parole offensive del Carroccio contro i napoletani e lo stesso cantante - per non essersi presentato al concerto della Moratti dopo gli insulti e le umiliazioni verso la sua persona e la città di Napoli ad opera dei leghisti ed aver rifiutato di esibirsi per i leghisti". 

RESTA CONCERTO PER LETTIERI - "Gigi ha restituito onore ed orgoglio al nostro popolo - conclude Borrelli - rifiutandosi di fare il menestrello per il Carroccio. Adesso gli chiediamo di sostenere De Magistris come sindaco di Napoli, il migliore che può amministrare la nostra città in questo momento". Ma il concerto di domani a Napoli per il candidato sindaco del Pdl, Lettieri, non dovrebbe essere in discussione. Semmai aperta rimane la questione di un centrodestra lombardo che non ha saputo fare fronte comune nel momento coclusivo e più significativo della campagna elettorale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • max pc

    27 Maggio 2011 - 13:01

    Van de Sfroos non c'entra niente.. A parte che e' un grande, che ha scritto ballate stupende, e che canta in dialetto come i Pitura Freska o i salentini Sud Sound System ... E che si esibisce senza problemi, a testimonianza della sua indipendenza , anche nelle feste dell'unita' ( e io c'ero ) oltre che alle feste della Lega... A differenza di d'Alessio che invece e' stato insultato e minacciato perche' avrebbe dovuto cantare ad una festa dove non sventolano le bandiere rosse E comunque lascia fuori De Sfroos

    Report

    Rispondi

  • CaffeSaturno

    27 Maggio 2011 - 12:12

    A me veramente risulta che sia stata la Lega Nord a pretendere l'assenza di D'Alessio a Milano e lo dimostra il fatto che, se vince la Moratti (cosa assai difficile) il cantante partenopeo canterà a Milano, ma insieme a Van De Sfroos, idolo della Lega, a dimostrare che il problema reale era tutto lì, nella "mapoletanità" di Gigi e non negli insulti dei suoi detrattori.

    Report

    Rispondi

  • prt

    27 Maggio 2011 - 11:11

    Gli artisti sono artisti !, che importa come la pensano in politica dato che gli ideali politici di oggi giorno rientrano tutti nei canoni della civilta'.Ci sono diversi cantanti e artisti della sinistra applauditi e acclamati anche dalla gente della destra . E spesso usano riferimenti politici nei loro testi ma nonostante cio' sono apprezzati un po' da tutti. Cosi' deve essere. Gigi D' Alessio poi parla solo d'amore nei suoi testi. Che fine ha fatto la liberta' di espressione in Italia , sempre nei limiti del rispetto ?

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    27 Maggio 2011 - 11:11

    non lo avete capito ha giocato al rialzo ,non avete rilanciato e lui non canta. bau bau micio micio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog