Cerca

Forleo non "incompatibile". Può tornare a Milano

Consiglio di Stato conferma la sentenza del Tar e annulla il provvedimento del Csm, che trasferì il giudice al Tribunale di Cremona

Forleo non "incompatibile". Può tornare a Milano
Clementina Forleo potrà tornare a lavorare al Tribunale di Milano. Il Consiglio di Stato ha infatti confermato la sentenza del Tar del Lazio, dell'aprile 2009, che aveva annullato il provvedimento con cui il Consiglio superiore della magistratura aveva deciso il trasferimento a Cremona del giudice, per l'incompatibilità per le indagini preliminari di Milano.

Clementina Forleo sta valutando la situazione e potrebbe avere titolo per tornare al palazzo di giustizia milanese. La procedura di trasferimento d'ufficio era stata aperta nel dicembre 2007 dopo che la Prima commissione non aveva trovato riscontro alle dichiarazioni, relative a presunte intimidazioni istituzionali mentre si stava occupando dell'inchiesta sulle scalate bancarie Bnl-Unipol-Antonveneta, rilasciate dalla Forleo durante la trasmissione Annozero.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Baldo2411

    20 Giugno 2011 - 10:10

    Sti.mo Magistrato, nel congratularmi con Lei per il dovuto reinserimento, mi sorge un dubbio: devo essere stupido dato che vedo una magistratura sporca, politicizzata, colpisce a dx ed ignora la sinistra, magistrati che fanno comizi ed altro ancora. Quindi sono stupido perchè solo io vedo questo stato di cose.

    Report

    Rispondi

  • ferdinandoDB

    17 Giugno 2011 - 03:03

    Adesso deve essere condannato il CSM al risarcimento morale, materiale e del prestigio offeso, altrimenti è proprio vero che la magistratura è gestita da loschi individui che non fanno rispettare "la Legge è uguale per tutti" ma usano la magistratura solo per uso e consumo proprio e... guai a chi si oppone a loro.

    Report

    Rispondi

  • honhil

    16 Giugno 2011 - 19:07

    Che non fosse incompatibile lo si sapeva già, che il Csm fosse di parte, e quindi incompatibile con la sua stessa funzione, pure. Ma ora che tutto è chiaro, ora che è lampante che la procura di Milano e la quinta colonna del Pci-Pds-Ds-Pd, ora che il Consiglio di Stato ha confermato che con un comportamento mafioso alla pm Forleo è stata sottratta un’indagine al solo fine di insabbiarla, quali provvedimenti pensa di prendere, come Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura , il Capo dello Stato Napolitano?

    Report

    Rispondi

  • alvit

    16 Giugno 2011 - 12:12

    Ma lei, e' colei che ha cercato di scoprire le carte e che avrebbe dovuto trovarci sotto, nascosto come gli scarafaggi, il baffetto lanciatore di molotov? Resista, mio caro magistrato, resista e non si faccia mettere sotto il tappeto come usano fare i signori del tribunale di Milano. Quando c'e' qualcosa che non gli va' a genio, alzano il tappeto e nascondono la spazzatura. Se la rossa malpelo, usasse un decimo della cattiveria e del livore che impiega da 17 anni per colpire Berlusconi, solo per sfogliare il libro rosso dei komunisti, ci sarebbero processi in tutta Italia e colpirebbero tutta la sinistra becera ,falsa e calunniatrice. Ora la dovrebbero accettare per forza a Milano, stia attenta, la metteranno a fare fotocopie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog