Cerca

Milano, l'aria nuova di Pisapia 'Stop a centri sociali destra'

Sindacalista Cgil aggredito da attivisti del Pdl davanti a Camera Lavoro. Il sindaco: "Provocazione fascista". Ed è rappresaglia

Milano, l'aria nuova di Pisapia 'Stop a centri sociali destra'
L'aria nuova della Milano di Pisapia profuma di rappresaglia. L'aggressione avvenuta venerdì mattina ai danni di un 61enne funzionario della Cgil da parte di un gruppo di attivisti di destra scatena la reazione di maggioranza e sinistra in genere. E così l'atto teppistico di poche persone riapre la questione annosa: chiudere i centri sociali di centrodestra. Che, per chi non lo sapesse, a Milano sono mosche bianche specie se paragonati alla miriade di centri e circoli di sinistra.

Il fatto - Verso le 12 di venerdì, davanti alla Camera di Lavoro di Milano in corso di Porta Vittoria 43, una decina di militanti del gruppo "Giovane Italia Nucleo Marinetti", appartenenti all'area della gioventù del Pdl (dunque, non di estrema destra) anche se fondamentalmente autonomi, erano impegnati in un volantinaggio. Nel documento si accusavano i sindacati di ignorare le posizioni degli operai impegnati nei cantieri della Tav. La reazione dei sindacalisti non si fa attendere. Cercano di allontanare gli attivisti, i toni si scaldano e si arriva alle mani. Qualcuno sferra alla vittima un colpo di casco, l'uomo cade e sbatte la testa contro un piloncino di metallo. I ragazzi del Gruppo Marinetti si dileguano e cominciano le invettive.

La rappresaglia - Il Nucleo Marinetti, in una nota, ha confermato il volantinaggio ma nega che si sia trattato di una provocazione, e sottolinea che "soprattutto nessun militante ha aggredito persona alcuna". Per il segretario generale della Camera del lavoro Onorio Rosati il gesto è una "provocazione fascista senza precedenti. Si attacca la Camera del Lavoro di Milano, luogo simbolo della democrazia e della sinistra nella nostra città". Rosati rievoca gli Anni 70 e parla del "frutto di un pericoloso clima politico in città". "Per questo - rilancia - chiediamo l'immediata chiusura di tutte le sedi di formazione neofascista apertesi nella nostra città anche recentemente". E pazienza se con CasaPound (una sola sede a Milano) e affini queste il gruppo Giovane Italia Nucleo Marinetti non c'entra nulla.

Solidarietà a prescindere - E il sindaco? Giuliano Pisapia ha annunciato solidarietà a prescindere, prima ancora di sapere come siano andati veramente i fatti. "Condanno fermamente l’aggressione - scrive in una nota -. Mi auguro che, nel più breve tempo possibile, vengano individuati e consegnati alla giustizia gli autori di questa azione violenta. La Camera del Lavoro di Milano è un luogo simbolo dell'antifascismo e della democrazia della nostra città, e questo rende ancor più grave quanto accaduto questa mattina". Ci si augura solidarietà a prescindere (e a posteriori) anche per le decine di aggressioni e provocazioni mette in atto dai centri sociali "buoni" che per Pisapia e la giunta democratica hanno evidentemente un solo colore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giampiero59

    10 Luglio 2011 - 18:06

    ma scusate, non eravate voi ad odiare i centri sociali? ve li chiudono e vi lamentate? o è perché sono quelli di destra? be', si dovrà pure cominciare da qualche parte no? prima i fasci, poi si vede se c'è un risultato e poi si valuta il da farsi! su dai, non fatevi il sangue cattivo! fate i bravini.

    Report

    Rispondi

  • wicio

    10 Luglio 2011 - 12:12

    e si cari compagni! visto che siamo in democrazia ognuno può esprimersi come gli pare, visto che al senato siedono ex terroristi comunisti premiati per aver assassinato gente innocente io voglio urlare a squarciagola che sono fiero e orgoglioso di essere Fascista e Italiano, eterosessuale padre di famiglia e cristiano cattolico, capisco che per i sinistroidi essere cosi è un 'reato' ideologico' che va contro il loro modo di intendere i valori e la vita, ma tant'è io sono cosi, mi vorrete perdonare se non sono mussulmano,o zingaro o frocio perso, purtroppo sono nato eterosessuale e Italiano di religione Cristiana, che fare? dite che sarebbe meglio espatriare visto l'aria che tira in Italia? forse lo farò, o forse no, il punto è che la sinistra Italiana sta devastando 2000 anni di cultura e identità laico-religiosa che hanno fatto di questo paese quello che è stato fino all'avvento della metastasi comunista!!

    Report

    Rispondi

  • wicio

    10 Luglio 2011 - 12:12

    è inutile girarci intorno, Milano sta diventando sempre più una città medioevale, basta girare per la città per rendersene conto, l'urbanistica fa schifo, le sue periferie come le banlieu Francesi, orde di extracomunitari senza titolo ne qualifica per abitare in questa città, regole comuni e osservanza delle leggi andate a farsi benedire in nome di ideologie che nulla hanno a che fare con una metropoli occidentale e'moderna', mi fa ridere il solo pensare a grandi città del nord-Europa e a Milano, le prime sono proiettate a grande velocità verso un futuro prossimo di benessere e serenità sociale, Milano e altre grandi città Italiane 'incatenate' ideologicamente a una logica politica vecchia di cento anni e fallimentare in tutte le sue vesioni, io che giro l'Europa x lavoro non posso fare a meno di piangere nel constatare quanto indietro siamo rispetto al resto dell'Europa veramente occidentale! facciamo ridere i polli & i mussulmani tutti!! ha che tempi quelli dello Zio Benito...!!!

    Report

    Rispondi

  • compagno sovietico

    09 Luglio 2011 - 17:05

    voi democratici liberali non avete conosciuto la felicità dei popoli del socialismo reale! non vi preoccupate ora pisapia vi renderà felici per tutti ci sarà amore libero,no al merito con stipendio uguale per tutti,casa per tutti gratis,almeno un'audi per tutti,possibile la poligamia come i nostri fratelli mussulmani,adozione di almeno un bambino/a per coppie di omosessuali più facile per trans lesbiche trasgender.milano sarà quella che il nostro cardinale tettamanzi ha voluto e che il nuovo cardinale speriamo smantellerà.sono contento per i milanesi.saranno i primi in italia a realizzare il socialismo reale. in visita in unione sovietica mi capitò di conoscere il delatore della polizia che esisteva per ogni scalinata dei palazzi.per questo ha ragione pisapia non c'è bisogno dei militari a milano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog