Cerca

Mazzata di Pisapia ai milanesi Ticket metro costa 50% in più

La nuova giunta di sinistra fa cassa con i risparmi dei cittadini: rincari Atm e introduzione addizionale Irpef dello 0,2%

Mazzata di Pisapia ai milanesi Ticket metro costa 50% in più
Per dirlo direttamente con le parole di Giuliano Pisapia, venerdì 22 luglio, sono state annunciate dalla giunta milanese "misure dolorose" per i cittadini. E può dirlo forte il sindaco di Milano, visto che per bocca dell'assessore alla Mobilità del Comune, Pierfrancesco Maran, ha fatto sapere che il biglietto per i mezzi pubblici a Milano aumenterà da settembre del 50%, passando da 1 euro a 1,50 euro e che sarà introdotto l'addizionale Irpef dello 0,2% per i redditi oltre i 26 mila euro annui. La decisione verrà deliberata nel corso della prossima Giunta in programma il 29 luglio.

Le giustificazioni del Sindaco per la mazzata - Il sindaco spiega che all'aumento del prezzo corrisponderà un incremento della durata della validità del ticket (da 75 a 90 minuti), mentre l'adeguamento tariffario non intaccherà gli abbonamenti annuali. Inoltre la scelta gioverà a Palazzo Marino che, così facendo, dovrebbe portare nelle proprie casse 67 milioni di euro nel 2012. In ogni caso, a detta di Pisapia, non c'erano alternative, "si tratta di un obbligo" previsto anche dalla legge e dalla precedente Giunta. Per quanto riguarda l'addizionale irpef, il sindaco ha tenuto a specificare che "si tratta dell'aliquota più bassa delle grandi città d'Italia  accompagnata da una soglia di esenzione che in altri Comuni o non c'è o è più bassa". E poi è giunto in soccorso l'assessore al Bilancio Bruno Tabacci " si tratta di una scelta che serve a salvaguardare il futuro dei milanesi".

E' colpa dei tagli del Governo -L'assessore alla mobilità ha spiegato che la scelta è stata dettata dai tagli del Governo al trasporto pubblico locale che si è abbattuto su Palazzo Marino con un taglio di 37 milioni di euro. A questi si aggiungono altri 27 milioni di euro previsti come costi aggiuntivi del servizio. I 64 milioni di euro di necessità, tra tagli e crescita dei costi, sarà quindi affrontato nel 2012 con i 67 milioni di euro che Palazzo Marino ha preventivato di recuperare con l'adeguamento del ticket.

 L'addizionale Irpef -
La delibera approvata dalla giunta applica al 2011 un'aliquota dello 0,2% per i milanesi con reddito superiore ai 26 mila euro annui. Saranno 332 mila i milanesi colpiti dal provvedimento, a fronte dei 450 mila esenti. La spesa media complessiva per i cittadini gravati dell'imposta sarà di 130 euro annui, ma per quei 121 mila che hanno un reddito compreso tra i 26 mila e i 33.500 euro l'importo sarà di quasi la metà, ovvero 56,99 euro.  "Il mio auspicio è che dal dibattito in aula - ha affermato il sindaco Giuliano Pisapia - possa aumentare il numero di cittadini esenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    25 Luglio 2011 - 17:05

    Troppo spesso ai tempi delle superiori mi sentivo dire: -compagno non hai capito quello che volevamo dire-. Invece mi pare proprio d'aver capito cosa vuol fare la Giunta Pisapia. Aumentare del 50% il costo del biglietto vuol unicamente indicare due cose: 1) Incidere pesantemente sulle già limitate risorse dei lavoratori onesti che obliterano i biglietti nei mezzi pubblici di Milano(meno del 50%). 2) Costringere i milanesi onesti a comportarsi come quasi tutti gli extracomunitari che non hanno mai obliterato i biglietti(tanto si può sempre incappare nel magistrato di turno che inquisisce il poliziotto che aveva osato fermare un "portoghese"). Inoltre è falso che gli abbonamenti non saranno aumentati. Ho desunto, da quanto pubblicato sui giornali, che non verrà aumentato il solo abbonamento annuale. Capirai.... la solita fregatura del compagno che sapeva sempre tutto. Purtroppo non sarà la prima ed ultima dei "pisabidonisti"

    Report

    Rispondi

  • giampiero59

    25 Luglio 2011 - 16:04

    Gli abbonati, quindi quelli che i mezzi li usano sempre, non avranno nessun aumento. Per essere più precisi, saranno salvaguardati quelli che non si possono permettere di viaggiare in auto e quelli che non vogliono farlo per motivi legati a ecologia o semplice concretezza. Per quanto riguarda l'Irpef, anche qui i redditi più bassi sono salvaguardati. Mi sembra che, malgrado la situazione attuale, sia tutto perfettamente in linea con il programma e con il desiderio espresso dalla maggioranza dei milanesi di far pagare chi può. E quindi, cari signori NON milanesi, tranquilli, che chi l'ha votato sapeva cosa faceva, che fosse di sinistra o di destra! Chiedetevi, piuttosto, quando costa, A VOI, la camionetta dell'esercito che staziona stabilmente (giorno e notte) davanti a casa di Belpietro per proteggerlo da fantomatici attentatori. Nemmeno Montanelli, gambizzato dalle BR, ha mai avuto la scorta. Imparate a far di conto che i milanesi sanno far bene i loro.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    25 Luglio 2011 - 13:01

    Se continuano a NON pagare i mezzi, i controlli sui tram li deve fare Pisapia o un controllore? ed allora perché, prima, non li faceva la Moratti? hai scritto *continueranno*: questo significa, quindi, che anche prima, durante i 20 anni di amministrazione di CDX, succedeva tutto quello da te elencato; ... Maldestri, maldestri, maldestri

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    25 Luglio 2011 - 11:11

    Nulla da eccepire sulle prime mosse politico-economiche di Giuliano Pisapia. Si conferma un "cattocomunista" che crede nella democrazia come transito verso il presunto sistema paradisiaco del comunismo reale. L'utopia trasferita al quotidiano ed ad una vita irreale che un benestante come Giuliano vede allo stesso modo di come la vedevano quei ricchi borghesi che facevano i rivoluzionari, nel 1968, e poi in estate andavano a trascorrere le vacanze a Bordighera nelle ville paterne. Del resto cosa ci si poteva attendere dall'avvocato difensore di Carlo Giuliani? Mi sovvien di dire... povera Milano!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog