Cerca

Ecopass, la rivolta dei lettori l'ennesima "gabella" di Pisapia

Centinaia di mail per fermare un provvedimento iniquo come la nuova Congestion Charge. Ecco come esprimere il tuo dissenso

Ecopass, la rivolta dei lettori l'ennesima "gabella" di Pisapia
Come spiega il nostro Mottola nell'articolo che segue, Libero ha deciso di iniziare a raccogliere le firme contro l'Ecopass, l'ennesima "gabella" della giuta Pisapia. Per le adesioni scrivi a noecopass@libero-news.it

Per molto meno, Letizia Moratti si era presa della scema. Il suo Ecopass sperimentale era  riuscito a far infuriare mezzo centrodestra. Sfortuna vuole che l’ex sindaco fosse nell’altra metà e che fosse lei ad avere l’ultima parola. L’intervento di Pdl e Lega   era servito solo ad alleggerire il provvedimento. Un fatto inconcepibile per Giuliano Pisapia, che  non sembra essersi saziato dopo gli ultimi “ritocchi” su  imposte e tariffe comunali.

Così, dopo aver detto ai milanesi di essere costretto ad introdurre l’aliquota Irpef comunale e a portare i biglietti Atm a un euro e  mezzo  per tappare i buchi duvuti alla mancata cessione di Serravalle (che alla fine sarà regolarmente venduta), il sindaco ha deciso di trovare un altro modo per tassare i milanesi. Un sistema che non convince del tutto neanche alcuni assessori Pd, come dimostrano gli scontri di ieri in giunta. Un rinvio non determinante, comunque. La sostanza del provvedimento non cambierà. Oggi per entrare in centro pagano solo i proprietari di veicoli inquinanti. Da gennaio 2012 toccherà farlo a tutti, perfino a chi ha scelto di dotarsi di un innocuo motore Gpl. Il risultato di tutta l’operazione, per altro, è già annunciato: il ticket anti-smog non è mai servito a niente. La “zona rossa” è troppo piccola perché qualcuno noti la differenza. Rimangono solo gli svantaggi, come quello di imporre a chi sarà costretto ad avventurarsi oltre la cerchia dei bastioni ad aprire il portafogli cinque giorni a settimana. Un fatto che ha convinto i commercianti a preparare un ricorso al Tar. Non si tratta di una cattiva idea: in fin dei conti per loro, che pur in questi anni si erano muniti di furgoni meno inquinanti per portare la merce nei loro negozi, non c’è alcuna alternativa al pedaggio. E non si tratta di spiccioli. Il Comune stima un incremento delle entrate del 290%. Quasi trentacinque milioni di euro. Una buona ragione per iniziare a raccogliere firme, come già Lega e Pdl hanno deciso di fare in questi giorni con noi.

di Lorenzo Mottola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roxana926

    06 Novembre 2011 - 15:03

    Ma se tutti i comuni limitrofi a Milano dove sono posizionati la maggior parte dei centri commerciali, ospedali, forum ecc.. per ragioni ecologiche di congestioni traffico ecc.., immettessero una tassa che pagherebbero tutti i non residenti.. Sarebbe proficuo... Attenzione e' questa la strada che sista' percorrendo...

    Report

    Rispondi

  • roxana926

    05 Novembre 2011 - 14:02

    O ci svegliamo, o non si finira' mai di pagare.. La zona c e' 1,5% di Milano, anche in giunta an detto che non serve x l'ecologia perché e' troppo piccola come area... E quindi a che serve. Noi milanesi siamo proprio dei.... Comunque molto meglio una cattiva destra di una cazzo di sinistra.

    Report

    Rispondi

  • darmaz

    04 Novembre 2011 - 17:05

    Ma non c'è già stato un referendum? Vogliamo fare il contro-referendum? Raccolta firme a dir poco inutile. State rinnegando il migliore: Edoardo Croci il VERO inventore della congestion charge!!

    Report

    Rispondi

  • queer

    03 Novembre 2011 - 14:02

    di fatto ecopass è una cazzata meglio sarebero le targe alterne, fare un sacrificio tutti x stare meglio tutti. Certo il comune deve far cassa perchè la precedente amministrazione la cassa l'ha svuotata

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog