Cerca

La tassa piace solo a Pisapia "No ecopass", scrivi a Libero

Il sindaco approva la gabella da 35 milioni l'anno: 5 euro per le auto e 3 per i furgoni. Maggioranza in rivolta. Mandaci mail e fax

La tassa piace solo a Pisapia "No ecopass", scrivi a Libero
Libero ha deciso di iniziare a raccogliere le firme contro l'Ecopass, l'ennesima "gabella" della giuta Pisapia. Per le adesioni scrivi a noecopass@libero-news.it, manda un fax allo 02/99966264 oppure una lettera in redazione all'indirizzo viale Majno 42, 20129, Milano.

Giuliano Pisapia lo definisce un «equilibrio nobile», ma le nuove linee guida della tassa d’ingresso non piacciono nemmeno ai partiti di maggioranza. Dopo cinque mesi di tentennamenti, frenate e cazzotti in giunta, il sindaco firma il compromesso pilatesco: i furgoni avranno lo sconto ma non gli abbonamenti, i residenti avranno un carnet di ingressi gratuiti ma annunciano ricorsi, tutti gli altri automobilisti avranno una nuova imposta da 5 euro al giorno. La nuova “Area C” si ispira alla congestion charge della city londinese, punta a tagliare il traffico del 20% e a convincere i milanesi a utilizzare i mezzi pubblici. Pisapia ci crede: «Il centro di Milano è l’area più collegata d’Italia e forse d’Europa».

L’armonia sul primo provvedimento anti-traffico della giunta arancione, però, dura giusto il tempo di sottoscrivere la gabella quotidiana di 5 euro. Poi, sulla congestion chrge piove un diluvio di critiche. Sel, il partito del sindaco Pisapia, se la prende con il ticket agevolato di 3 euro per i furgoni. «Non è la soluzione ideale» tuona il consigliere Luca Gibillini. «Sicuramente sarà da modificare il prossimo anno». Carlo Monguzzi, presidente della commissione mobilità del Pd, accorcia la tregua: «La deroga per i commercianti non funziona, speriamo che tra sei mesi verrà tolta». Sul «traffico di servizio» la giunta aveva rischiato di deragliare, ma la mediazione raggiunta fa inorridire il comitato dei referendari, strenuo alleato della giunta.  «Lo sconto ai veicoli commerciali è una grave macchia» dicono Edoardo Croci e Marco Cappato, «i veicoli commerciali per ingombro, emissioni e percorrenze dovrebbero invece essere assoggettati ad una tariffa più elevata. Valuteremo se rivolgerci al collegio dei garanti». Oltre al ricorso ecologista, all’orizzonte ci potrebbero essere anche le denunce dei residenti, costretti a espiare la colpa di abitare nella cerchia dei Bastioni pagando la nuova tassa. Scampato invece, almeno fino a giugno, l’incubo del ricorso al Tar dei commercianti. Simonpaolo Buongiardino, delegato dell’Unione del Commercio, si dice «moderatamente soddisfatto». «È stata riconosciuta la peculiarità del mondo produttivo, ora aspettiamo di vedere come verrà strutturato concretamente il provvedimento».

Tanti distinguo, tante deroghe, scadenze temporali diverse per ogni categoria. «Avremo un aggravio di costi in un momento di crisi» tuona Marco Accornero dell’unione Artigiani, «l’alternativa della sosta gratuita è difficilmente praticabile». Scettici, per motivi opposti, anche i ciclisti di Ciclobby: «Ecopass va allargato alla periferia e vanno tolte le deroghe». Pdl e Lega Nord restano sulle barricate, proseguono la raccolta firme e preannunciano battaglia sul consiglio comunale di lunedì dedicato ai referendum. «L’avrei chiamata area “T”, area tasse» dice il capogruppo Pdl Carlo Masseroli. «Milano è 10 anni in ritardo rispetto a Londra, che ha ridotto l’area a metà e si appresta a cancellare la congestion charge». Per Riccardo De Corato, «è l’ennesimo prelievo dalle tasche degli automobilisti milanesi che si vedono raddoppiare il ticket». Matteo Salvini, capogruppo del Carroccio, la definisce «una mazzata per chi lavora e per chi vive in periferia. La giunta tradisce le promesse». Pisapia insiste: «Non serve per fare cassa, avevamo tanti altri strumenti». Tra addizionale Irpef e biglietto Atm, i milanesi se ne sono già accorti.

di Massimo Costa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • matinloc

    15 Novembre 2011 - 09:09

    io ho i miei dubbi ;che si tratti di ignoranza o di malafede? fa gioco avere tutte le auto dell'hinterland arrivare a milano per mancanza di mezzi per cosi poterle "tassare". milano unica citta al mondo che istituisce una congestion charge senza dare la possibilita di mezzi alternativi. per poter togliere il 20% di traffico (forse anche il 30 e il 40%) caro sindaco crei la possibilita alla gente che viene da paullo, lodi e centinaia di altri posti intorno a milano di poter entrare in citta con treni efficenti, caldi d'inverno e freschi d'estate solo cosi potra togliere le auto dalla strada. pero come scritto sopra il dubbio che far arrivare la gente in auto faccia moooolto piu comodo.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    12 Novembre 2011 - 18:06

    Tasse ed ancora tasse.Aspettate che Monti apra la gabbia degli uccelli paduli...Poi nemmeno a Milano servirà avere il "deretano a paratia"o le mutande di ghisa...Sono della peggiore razza,SONO quelli che volano raso terra e non guardano in faccia nessuno escludendo i ROM e i clandestini.Per il resto...cari Milanesi ve lo siete votato?Lo avete voluto?Tenetevelo.Se poi il deretano assomiglia al Maracanà dopo il terremoto...IZZAC vostri.

    Report

    Rispondi

  • Cayman75

    08 Novembre 2011 - 18:06

    Quando i suoi amici Rom, attraverseranno il centro di Milano con le loro auto, chi pagherà le 5€ o la multa? La pagherò io con le tasse, insieme a voi. Quando con la mia auto dovrò attraversare il centro , chi pagherà le 5€ o la multa? SEMPRE IO.......

    Report

    Rispondi

  • incredula

    07 Novembre 2011 - 22:10

    Se paghi puoi inquinare e già qui ci sarebbe da ridere per non piangere e poi la pagano con lo sconto (40 entrate free) anche i residenti. Ma stiamo scherzando??? D'accordo fare cassa che è molto, molto evidente ma addirittura farla pagare a chi ci abita mi sembra troppo. Immagino che anche qui ci saranno gli amici degli amici che la eviteranno. Di male in peggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog