Cerca

La rivoluzione del sindaco Pisapia snobba bimbi africani

Bloccati i 467mila euro che dovevano essere garantiti alla fondazione fondata da Moratti e Formigoni: bisogna far cassa

La rivoluzione del sindaco Pisapia snobba bimbi africani

Le casse di palazzo Marino piangono. E così il Comune di Milano decide di chiudere i rubinetti anche per gli aiuti umanitari al continente nero. I 467 mila euro, che dovevano essere garantiti fino al 2014 alla fondazione “Alliance for Africa”, non lasceranno i caveau di piazza della Scala. L’“alleanza”, con una dotazione iniziale di 10 milioni di euro, era stata stipulata nel dicembre 2009 dall’ex sindaco Letizia Moratti e dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. E grazie alla partecipazione di Agyekum Kufour, presidente del Ghana, avrebbe dovuto rappresentare il biglietto da visita dell’Expo di Milano nel sud del mondo. Con la realizzazione di progetti di solidarietà e cooperazione da mettere in vetrina in vista della esposizione universale del 2015. Ma nonostante il tema portante sia “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita”, sembra proprio che l’Expo per l’Africa si sia già concluso. Per i prossimi tre anni, infatti, Milano non contribuirà ad alcun progetto di sviluppo nel continente nero. Motivo di tanta parsimonia, fanno sapere da palazzo Marino, sarebbe la scarsa operatività della fondazione presieduta da Kufour.

Nel dicembre scorso, tramite il bando per la cooperazione internazionale indetto dall’Expo, sono stati raccolti novantuno progetti, di cui più della metà da realizzare in Africa. Iniziative legate alla salute, al lavoro, all’educazione e alla sicurezza alimentare. Il tutto in linea con il tema dell’Expo 2015, che ha tra i principali obiettivi quello di «assicurare un’alimentazione sana e di qualità a tutti gli esseri umani per eliminare la fame, la sete, la mortalità infantile e la malnutrizione». Secondo quanto riferiscono da palazzo Marino, però, fino a oggi nel continente nero “Alliance for Africa” avrebbe portato a termine solo la ristrutturazione di una scuola ad Accra, in Ghana. A fronte di un investimento di 335 mila euro nel 2010 e 338 mila 2011. Il rifacimento dell’edificio, secondo le stime del Comune, sarebbe costato in tutto circa 200 mila euro. E la Regione, che si è impegnata a finanziare ad hoc i singoli progetti, ha stanziato da parte sua altri 100 mila euro. Non si capisce, dicono da palazzo Marino, dove siano finiti tutti gli altri soldi.

La fondazione risponde che, oltre che per la messa in sesto dell’edificio scolastico della capitale ghanese, i finanziamenti sono stati utilizzati per la realizzazione di due sedi di “Alliance”: una a Milano, e un’altra in Ghana. Ma palazzo Marino non ci sta. Il Comune avrebbe dovuto garantire ai progetti di solidarietà in Africa 140 mila euro nel 2012, 157 mila euro nel 2013 e 170 mila euro nel 2014. In tutto 467 mila euro. Che però non verranno più erogati. Considerata la difficile situazione del bilancio e la scarsa operatività della fondazione, Giuliano Pisapia ha così deciso di rompere l’“alleanza” con l’Africa stipulata nel 2009 da Letizia Moratti e Roberto Formigoni. La Regione, che aveva aveva condiviso il progetto col Comune, fa sapere che valuterà il percorso migliore per salvaguardare i progetti in corso.
di Lidia Baratta

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    06 Dicembre 2011 - 20:08

    beh, adesso ha fatto bene. Abbiamo già le nostre spese e tanti debiti, basta fare lo stato sociale del mondo. Ogni anno tutti ipaesi occidentali mandano miliardi in Africa. E non bastano mai. Bisogna smetterla di sostenere questo assistenzialismo buonista, in Africa si diano da fare e non per procreare orde di disperati.

    Report

    Rispondi

  • bastacorruzione

    03 Dicembre 2011 - 10:10

    Ogni politico seduto in parlamento si crea una fondazione, fondazioni che con la scusa che sono senza scopo di lucro, non devono rendere conto da dove arrivano i finanziamenti. La maggioranza delle fondazioni sono un modo per occultare finanziamenti di cui non sappiamo che fine facciano e di cui spesso viene fuori che vanno a rimpinguare le casse dei partiti. Ma voi affidereste 100000 euro dei costri soldi a quell'intrallazzone di Formigoni? Continuano ad arrestare i suoi uomini piu' fidati per corruzione. Ci sono tante associazioni di volontariato che operano nel campo in Affrica, con volontari che rinunciano a tanto per aiutare gli altri, diamo i soldi a loro. Bravo Pisapia vai avanti cosi. Invece di dare i soldi a quella petroliera iompellicciata della Moratti che crea fondazioni dubbie con Formigoni perche' fa' shic aiutare l'Affrica, quando poi le loro aziende petrolifere non hanno dubbi nel pagare assassini che gli aprano la starda per rubare il petrolio a popolazioni affamate.

    Report

    Rispondi

blog