Cerca

Pisapia dà le carote intere ai bambini che non hanno denti

Cavoli amari per i piccoli milanesi. Le maestre contro il bio-menù di sinistra: "Non riescono neppure a masticare"

Pisapia dà le carote intere ai  bambini che non hanno denti

La rivoluzione delle mense arancioni si incaglia sulle gengive dei bambini. Si fa presto a parlare di «svolta biologica», di «piatti condivisi con i genitori». Poi bisogna fare i conti con i denti da latte, che a sei anni - da quando i bambini sono su questo mondo - possono ancora cadere e lasciare temporaneamente senza molari né incisivi i piccoli destinatari dei pasti delle scuole comunali.

Ecco perché il primo menu disegnato dal nuovo corso di Milano Ristorazione, scelto dal sindaco Giuliano Pisapia per dare un segno di «discontinuità» con la gestione precedente, ha creato non pochi problemi agli studenti non ancora dotati di un’arcata dentale completa. Colpa delle «verdure crude», inserite come antipasto ogni mercoledì. Dal 12 settembre, i bambini si sono trovati sul vassoio della refezione «tronchetti» di  carote e finocchi crude. Esultava Palazzo Marino tre mesi fa: «Abbiamo instaurato un rapporto di collaborazione e fiducia con i genitori». Più cibi vegetali, meno cibi animali. Il problema è la modalità con la quale queste benedette verdure crude sono finite di fronte agli occhioni sconsolati dei più piccoli: il tronchetto - se i denti non ci sono - è impossibile da masticare. Risultato: dopo qualche maldestro tentativo di smussare e sgusciare il cubo di finocchio o di carota, il cibo veniva immancabilmente scartato dagli alunni.

I primi ad accorgersi della gaffe, ovviamente, sono state le maestre, che hanno inondato di segnalazioni Milano Ristorazione. «I tronchetti sono immangiabili per i bambini senza denti definitivi». Alla faccia della lotta agli sprechi, il più dell’antipasto finiva nella spazzatura. Un copione che si è ripetuto una volta alla settimana fino all’inizio di dicembre, quando Milano Ristorazione ha convertito i cubi di verdure crude in dischetti più sottili (e finalmente commestibili anche senza denti permanenti). Tra le insegnanti, va detto, serpeggia un po’ di scetticismo anche sulla scelta di anticipare le verdure stesse all’inizio del pasto: «Fino all’anno scorso c’era un primo, un secondo con contorno e la frutta. Adesso c’è un piatto in più, e i bambini rimangono seduti a tavola anche mezz’ora in più». Turni sballati, disagi, pranzi al rallentatore.

Dietro le veline del Comune sulla «partecipazione», si nasconde una fase di assestamento inevitabilmente piena di ostacoli: i primi test estivi sui nuovi menu, come riportato da Libero a metà settembre, avevano dato risultati allarmanti. La frittatina di ceci con rosmarino - fatta assaporare a 79 bambini - era stata bocciata dal 97% degli alunni a causa del «sapore strano». Anche il superconsulente Franco Berrino, direttore del Dipartimento di Medicina preventiva dell’Istituto dei tumori, aveva minacciato le dimissioni due mesi dopo l’inizio del rapporto di collaborazione con la partecipata da 80 mila pasti al giorno. Il motivo? «Le mie direttive non vengono ascoltate». Ora la frattura si è ricomposta, anche se si è appena aperta un’altra polemica per il ritorno alle vaschette di acciaio inox con un aggravio di costi che si aggira intorno ai duecento mila euro l’anno. Non è passata inosservata nemmeno la composizione della commissione mensa, eletti da una percentuale bassissima dei genitori e infarcita di candidati della sinistra alle ultime elezioni. Le parole entusiaste di Anna Santoiemma, consigliere di zona 9 eletta nella lista di Milly Moratti, a settembre sono finite addirittura nei comunicati ufficiali di Palazzo Marino riguardanti i nuovi menu «arancioni». Durante l’era-Moratti, alcuni genitori avevano firmato la class action contro Milano Ristorazione lamentandosi del cattivo servizio offerto ai bambini. Ora - giurano i rappresentanti della commissione mensa - il vento è cambiato. Anche se i tronchetti di carote crude, ai bambini senza denti, proprio non andavano giù.

di Massimo Costa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pippoCdZ1

    27 Dicembre 2011 - 21:09

    Durante il mandato del sindaco Formentini, ai bambini dell' asilo venivano dati da mangiare solo finocchi crudi, sono ancora vivo e con un tantino di materia grigia in più di questi raffinati analisti politici/ dentisti che non trovano modo migliore di criticare Pisapia che quegli argomenti stupidi, xenofobi e ignoranti che tanto hanno fatto perdere alla destra durante la campagna elettorale.

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    27 Dicembre 2011 - 18:06

    Dove confessare che sono oltremodo contento per i Milanesi delle troiate che fa ogni giorno il sindaco Pisapia lo hanno votato? adesso se lo cucchino e per favore stiano in silenzio.Per quanto riguarda le carote che pretendono di fare mangiare ai bambini piccoli si quelle grosse e dure consiglio al Pisapippa amico e non solo di Vendola di infilarsele in c....o proprio come fa e propoganda pure urbi ed orbi il suo idolo tutto za za .

    Report

    Rispondi

  • alvit

    27 Dicembre 2011 - 17:05

    la situazione e' che lui persevera, su tutto, ora anche sulle carote e i finocchi. Che sia stato il consiglio di ventolo? a lui si piacciono sia le carote che i finocchi, per non parlare dei cetrioli. Pisapippa stesso, con quella dentatura da terzo mondo, non riuscirebbe a masticare il pranzo dei bimbi, ma lui ora e' in vacanza, mangerà aragoste e scampi, i bimbi sono a casa, sono problemi dei genitori e quando torneranno...sarà un altro giorno. Pisapippa, stai toppando su tutto, ma svelaci il tuo grande segreto, chi e' che ti consiglia? la famosissima giornalaia di tua moglie?

    Report

    Rispondi

  • lorenzovan

    27 Dicembre 2011 - 14:02

    degno del miglior minzolini !!!!!vero giornalismo da trincea.quasi come quello sui calzini azzurri di quel famoso giudice !!! vero e' che i bambini non amano le verdure ( qualksiasi genitore lo sa benissimo...)ma adorano merendine e junkie food Pisapia e' meritevole di andare contro corrente..altro che palle

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog