Cerca

Rimproverato dal professore, gli spacca i denti con l'estintore

Uno studente milanese del Caterina da Siena si scaglia contro l'insegnante che lo aveva ripreso dopo che aveva acceso un fuoco

Rimproverato dal professore, gli spacca i denti con l'estintore

Rimproverare uno studente può costare caro, molto caro. Lo sa bene un prof dell'Istituto professionale per la moda e la grafica Caterina da Siena che per averlo fatto si ritrova ora con quattro denti rotti. La sua colpa è stata quella di aver chiesto spiegazioni a un ragazzo che si aggirava per i corridoi della scuola con un estintore in mano, nel tentativo di spegnere una fiammata che lui stesso aveva appiccato "per scherzo". Il ragazzino, un sedicenne, in preda ad uno scatto l'ira gli ha tirato l'estintore colpendolo in faccia e sul ginocchio. Il professore è stato portato di corsa in ambulanza all’Istituto clinico Città Studi nello stupore generale di studenti, bidelli e professori. Dopo essere stato medicato al pronto soccorso, è stato poi dimesso nel pomeriggio con una prognosi di 15 giorni. Al momento, scrive Repubblica, non sarebbe stata sporta nessuna denuncia alle forze dell’ordine, né da parte della scuola e dello stesso insegnante. Solo una segnalazione al commissariato Lambrate da parte della preside, per un "episodio di intemperanza". È stata una bravata di un ragazzo che ha problemi di crescita e di esuberanza — ha spiegato a Repubblica la preside, Clara Magistrelli, che ha in ogni caso ha sospeso l’alunno — si sentono piccoli geni incompresi, fanno scemenze in un’età molto difficile. E l’insegnante era solo intervenuto per placarlo, dimostrando senso civico e anche coraggio nell’affrontare con prontezza il problema. Quanto al ragazzo, dobbiamo tutelare chi è in difficoltà. Non abbiamo alcuna intenzione di allontanarlo dalla scuola o di prendere provvedimenti che possano danneggiarlo. Un atteggiamento inutilmente vendicativo non servirebbe a nessuno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ptck1

    14 Gennaio 2012 - 12:12

    Se tutti i ragazzi che commettono una scemenza sono da considerare disadattati siamo messi bene. Professori che hanno paura dei presidi, presidi che hanno paura dei genitori e dei loro avvocati.... In questo paese (volutamente con la p minuscola) manca la certezza della pena e il troppo garantismo ha rovinato tutto. Solo i furbi se la cavano sempre

    Report

    Rispondi

  • eovero

    14 Gennaio 2012 - 10:10

    tutelare questi studenti o minorenni è sbagliato, cosi diventano davvero dei delinquenti se non vanno riformati.avete mai pensato di mandarli per punizione in russia da putin, poi a sua volta lui li manda a lavorare in siberia, bastano sei mesi vedrai che persone serie e rispettose saranno poi.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    14 Gennaio 2012 - 09:09

    ma chi tutela gli insegnanti,i denti non ricrescono, un professore ha un valore sociale decisamente superiore di un un sedicenne tarato.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    14 Gennaio 2012 - 08:08

    ..questi sono i frutti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog