Cerca

Basta Ambrogio e Agostino Ora i bimbi si chiamano Amir

Milano sta cambiando sotto il profilo etnico e religioso. Lo dimostrano i nomi dei nuovi nati all'anagrafe: scompaiono quelli storici

Basta Ambrogio e Agostino Ora i bimbi si chiamano Amir

Nella classe 2012 dei milanesi non ci sarà neanche un Ambrogio, nè un Agostino o una Luisa. Il Comune di Milano ha diffuso la classifica dei nomi preferiti per i neonati della città: vincono Giulia e Lorenzo, seguiti da Sofia e Matilde e da Alessandro e Francesco. Scompaiono i nomi storici, Carlo è stato scelto solo per due bambini. Stesso discorso sul versante femminile: soltanto tre bambine potranno essere chiamate da grandi "sciura" Maria, nessuna traccia di Luisa, altro nome un tempo molto diffuso. "Dal confronto con il 2011 emerge che i milanesi si stanno affezionando agli stessi nomi. Lo scorso anno in testa figuravano Alessandro e Sofia, subito dopo Matteo e Leonardo tra i maschi, Giulia e Alice tra le femmine. Piacciono molto anche Andrea, Lorenzo e Mattia e, nell?altro sesso, Sara, Martina ed Emma", spiega il Comune. "Da questi elenchi - sottolinea Palazzo Marino - si ottiene la conferma piuttosto evidente che Milano sta cambiando sotto il profilo etnico e religioso. Sono tanti i nomi stranieri e, in diversi casi, ci sono riferimenti precisi alla religione osservata in famiglia. Qualche esempio? Tra le femmine compaiano Hana Islam Taha Mohamed, Huixuan Jenny, Malak, Eriny Sameh Karim. Tra i maschi ci sono Ishayattaha, Amir, Ahmez ed Ewan Senethma. Nomi del tutto sconosciuti pochi anni fa, ma che stanno entrando rapidamente nel lessico dei milanesi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    15 Febbraio 2012 - 10:10

    Non si puo.Sono una risorsa.Senza di loro la sinistra sparisce.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    13 Febbraio 2012 - 14:02

    non se ne può più di questa invasione pezzente di immigrati e delle loro arroganti e degradanti "culture". Ma non si faceva prima ad espatriare a calci nei loro paesi quelli che li difendono e premono per il loro ingresso? L'immigrazione di straccioni e morti di fame arabi è la nostra rovina assoluta.

    Report

    Rispondi

  • nictriplo

    13 Febbraio 2012 - 13:01

    .....vai ad allevare cammelli, assieme a tutta la compagnia di merende che ti gravita intorno, anzichè straparlare. E stringi bene le chiappe che se qualche abdul parente tuo vuole approfittarsi di te, col coraggio da Longobardo col turbante che ti ritrovi, è facile che ci riesca senza nessuna fatica. Per la cronaca, io sono Veneto e vivo nella zona delle prealpi Venete dove i cognomi di orige tedesca (italianizzati) sono moltissimi (e non a causa dei Longobardi) anche se qui i Longobardi ci sono stati davvero e li abbiamo pure dissepolti qualche anno fa. Qui infatti non hanno soltanto creato degli insignificanti protettorati, ma hanno vissuto ed hanno figliato. I filgi che sono nati, sono nati tutti senza turbante quindi. Ecco perchè non sei longobardo : hai il turbante.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    13 Febbraio 2012 - 11:11

    Sara' contenta la lega nord-padania che sogna di essere celtica-irlandesi,riemplie le ampolle di acqua longobarda, ma poi si scopre arabo-islamica !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog