Cerca

Nome storico del rap

Lutto nel mondo della musica italiana: morto Primo Brown, fondatore dei Cor Veleno

0
Lutto nel mondo della musica italiana: morto Primo Brown, fondatore dei Cor Veleno

Nella notte di San Silvestro si è spento Primo Brown, mc e fondatore della crew romana Cor Veleno. David Berardi, 39 anni, faceva rap dall’inizio degli anni novanta ed era una delle colonne della scena hip hop capitolina. Fu Primo, nel settembre 2014, a dare notizia della sua malattia. Senza aggiungere dettagli, fece tuttavia capire quanto fosse grave il male che avrebbe dovuto affrontare da lì al suo non lungo futuro. “Devo affrontare un viaggio difficile che non so dove porta, e come ritorna indietro, devo solo farlo. Questo bloccherà le mie attività di base per non so quanto, non mi vedrete fare live, e non so darvi altri appuntamenti”, scrisse su Facebook. Ieri notte, sempre attraverso i social, è stato il padre di David a dare la brutta notizia.

Primo Brown era uno dei tre elementi dei Cor Veleno insieme a Squarta e Grandi Numeri. Faceva rap già da un decennio quando è arrivato il successo, a metà degli anni zero. Quegli anni, per il genere, furono un momento di interludio. Esaurita la fase della old school, pochi gruppi tennero vivo il rap italiano aprendo la strada alla new school e all’esplosione dell’hip hop come fenomeno di massa. Nel 2006 i Cor Veleno firmarono con la Sony rilasciando l’anno successivo l’album Nuovo Nuovo. Ai tempi c’era la Dogo Gang a Milano, Fabri Fibra dalle Marche, Inoki a Bologna, i Co Sang a Napoli, i Cor Veleno e il Truce Clan a Roma. La crew di Primo Brown ha sempre avuto un sound particolarmente riconoscibile, molto suonato, con venature funky. L’artista aveva avuto tante collaborazioni, tra le altre. con Jovanotti, con i Club Dogo e con Tormento, ex Sotto Tono. Negli ultimi anni Primero era diventato un punto di riferimento per la nuova scuola romana e nazionale, come testimoniano le decine di messaggi di cordoglio arrivate in queste ore.

di Salvatore Dama

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media