Cerca

Botte

"Sei tu che dici balle", la furia di Al Bano contro Tony Dallara: è rissa totale

2
"Sei tu che dici balle", la furia di Al Bano contro Tony Dallara: è rissa totale

Al Bano non perdona. Il divo di Cellino San Marco non ci sta alla replica di Tony Dallara che ha contestato la frase di Carrisi "sono il Cristoforo Colombo della musica leggera italiana". Dallara, attraverso una telefonata mattutina a Libero, in pratica sottolineava il fatto che lui, per primo, è sbarcato all'estero con la sua musica. Al Bano contatta a sua volta Libero al quale affida la sua contro-replica: "Caro Tony, chi mai ha voluto toglierti la paternità delle cose belle che hai fatto? L'intervista era a me e quindi io ho parlato di me". Al Bano spiega che Dallara ha più anni di lui quindi è logico che alcuni traguardi li abbia conquistati cronologicamente prima.

Insomma. Oggi tra i due artisti è lite totale. Quanto al fatto di "essere stato l'unico ad andare in Giappone", detto da Dallara, Al Bano contesta: "Forse dimentica Carosone e Modugno: peccato che non possano rispondere". Alla frecciata "io non ho camion di oli e vini come Al Bano", Carrisi risponde che lui ce li ha perché è figlio di contadini, ma tutto il mio olio e vino è a sua disposizione". Il cantante di Cellino San Marco, per smorzare i toni, si ripromette di fare un selfie di pace con il collega e conclude: "Queste polemiche non servono a nessuno".

Alessandra Menzani

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leghistamonzese

    08 Febbraio 2016 - 22:10

    Caro vagabondo75, probabilmente Tu ai tempi di Tony Dallara non eri ancora nato, ma ti assicuro che in quanto a VOCE non aveva niente in meno di Albano Carrisi, che comunque ho sempre ammirato. Saludos dal Nicaragua.

    Report

    Rispondi

  • vagabondo75

    vagabondo75

    08 Febbraio 2016 - 17:05

    ....ma questo .....Tony Lardera, con un paio di anni di "successo", risalenti all'immediato dopoguerra, alla fine chi [email protected]@@@ è?

    Report

    Rispondi

media