Cerca

Mito italiano

E' morto Enzo Jannacci, una vita tra note e poesia

Il grande cantautore è scomparso nella sua Milano a 77 anni dopo una lunga malattia. Dal jazz al rock, dal Derby a Quelli che il calcio, storia di un genio surreale e popolare

Enzo Jannacci

Enzo Jannacci

 

 

di Claudio Brigliadori

E' scomparso a 77 anni, nella sua Milano, Enzo Jannacci. Era malato da tempo e se n’è andato alla Clinica Columbus, con tutta la sua famiglia al capezzale. Cantautore, cabarettista, attore e - incidentalmente - anche cardiologo di fama, è stato uno dei pilastri di quello strano miscuglio anni Sessanta tipicamente meneghino. Madonnina e Puglia abbracciate strette strette, tra case di ringhiera e verdurai, cemento arrembante e turni in fabbrica da sfiancare un mulo. Musica sopraffina e parole in libertà, comicità criptica e amarezze accarezzate, ironia lunare e cose concretissime, tra una latteria e un dopolavoro, il jazz e la filastrocca. Con Adriano Celentano e Giorgio Gaber, Cochi Ponzoni e Renato Pozzetto prima, Diego Abatantuono e Teo Teocoli poi, suoi eredi ma soprattutto amici. Su su fino a Quelli che il calcio... di Fabio Fazio, che negli anni Novanta gli regalarono notorietà anche tra i più giovani, che le partite le seguivano non più alla radio ma sulle pay tv.  Da allora, Quelli che è tornato ad essere un tormentone, e lui che quasi si scherniva, con quei “Naaaa” sbiascicati timidamente quando si ritrovava davanti un taccuino o un microfono. Gli pioveva stima da tutti: colleghi, compagni di vita, sbronze e lutti, semplici conoscenti, musicofili, perdigiorno e nostalgici. Basta aver dato un'occhiata allo speciale di Che tempo che fa del 19 dicembre 2011, per capirne il mito. Un mito insieme intellettuale e popolare, piccolo miracolo.

 

 

Il ricordo sul web - La notizia, arrivata, nella tarda serata di ieri, ha naturalmente scatenato il ricordo commosso di quelli che l’hanno conosciuto. «Era un genio. Le sue parole che non riuscivano a stare dietro ai suoi pensieri, la sua poesia ha inventato un mondo bellissimo», ha detto Fazio. E giù citazioni dai suoi classici, «È volato giù l’Armando», «hai presente un canotto morsicato da un doberman», l’immancabile «che voglia di piangere ho». «Ci ha lasciato un grande artista, un grande milanese - ha ricordato il sindaco di Milano Giuliano Pisapia -. Ha amato Milano, ricambiato». E il Milan, squadra del cuore di Jannacci, apre il suo sito ufficiale con un accorato “Ciao Enzo!”, un pensiero a una “personalità vera, spontanea, originale, estrosa, duttile”.

 

 

Generazione d’oro - Eclettico per definizione, la sua ultima apparizione al cinema è stata nel 2010, per La bellezza del somaro diretto da Sergio Castellitto. Controcorrente, lui ateo (che progressivamente si è avvicinato alla Fede quando vide, parole sue, «la carezza del Nazareno ad un povero operaio stanco sul tram di Milano») non esitò a prendere posizione sul caso di Eluana Englaro, definendo allucinante la decisione di fermare le cure, perché «la vita è importante anche quando è inerme e indifesa - disse al Corriere della Sera -. Fosse mio figlio mi basterebbe un battito di ciglia». Eccolo qua, tutto Jannacci. Ironia della sorte, il musicista Enzo verrà forse ricordato per i pezzi più leggeri di un repertorio immenso e struggente, che ha coperto almeno trent’anni di storia d’Italia. Lo ricorderanno per Ci vuole orecchio, magari. Sicuramente per Vengo anch'io. No, tu no, per esempio, che incoronò la sua prima fase: quella ruspantemente rock'n'roll, scapestrata e un po' demenziale, alla pari del Molleggiato e, appunto Gaber, con cui ha diviso palchi di legno, bicchieri di vino, applausi e sguardi storti tra fumo di sigarette e luci che andavano e venivano. Ma proprio come Gaber, Enzo è qualcosa di più. Amico di Paolo Conte e di letterati altissimi come Luciano Bianciardi, Dario Fo e Beppe Viola (giornalista, sì, ma letterato come pochi), sapeva mescolare spunti minimi e banali, storie di ordinaria mala milanese di piccolo cabotaggio, viste da un balcone o dalla panchina di un parco di periferia, malesseri lievi eppure "generazionali". Negli anni Settanta mette in fila capolavori come Messico e nuvole (firmata da Conte), L'Armando, Faceva il palo, Giovanni il telegrafista, El portava i scarp del tennis. In milanese, il suo milanese. Lingua rude, brusca, col cuore in mano e un sorriso da regalare nei momenti meno prevedibili. Come lui, scontroso, introverso e dai motti di spirito illuminanti. 

Dal Derby a Vasco - Dopo un parziale ritiro dai palchi (quasi fosse il quinto elemento dei Beatles, il pianista, ma non rinuncia a incidere album), negli Anni Ottanta arriva a duettare con Vasco Rossi. Lui, che ha suonato con Stan Getz e Chet Baker, si mette a canticchiare Vita spericolata. Robe strane, robe folli, da non spiegare perché in fondo non ce n’è neppure bisogno. Il surreale Jannacci, così come chi lo ascolta, in fondo in testa ha sempre Vincenzina e la fabbrica, uno dei ritratti più commoventi mai dedicati a una donna-lavoratrice nell'Italia del boom. Ricca e povera insieme, patetica senza essere patetica. Da far sorridere, senza sghignazzare. Come al Derby, la culla del cabaret milanese, di cui Enzo è stato uno dei primissimi, più grandi protagonisti. Per dirla con una delle sue canzoni memorabili, Se me lo dicevi prima, che in poche righe riassume il senso di una vita, di chi passa dal dolore più profondo agli sprazzi di luce che, improvvisamente, ti tirano fuori dal buio.  "E allora sarà ancora bello, quando ti innamori, quando vince il Milan, quando guardi fuori. E sarà ancora bello, quando guardi il tunnel, che è ancora lì vicino e non ci credi ancora. Ne sei venuto fuori e non ci credi ancora, e ci hai la pelle d'oca e non ci credi ancora". Già, non ci credi ancora.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    30 Marzo 2013 - 13:01

    Non saprei se a due non credenti, Giorgio e Enzo, San Pietro abbia riservato il posto che meritano nel regno dei cieli. Voglio sperare che sia cosi perché io da sempre sostengo che la fede è un dono ed una ricchezza per chi la possiede. Quindi il Dio creduto dagli atei non può sconfessare un figlio soltanto perché nella vita terrena forse non aveva il dono delle fede. Se non ho capito male questa è anche una indicazione di Papa Francesco che è un vero dono di Dio per tutta l'umanità. Enzo Jannacci,era semplicemente un genio. Uomo schivo e mai banale. Uomo semplice figlio del popolo milanese, di quella gente venuta dal sud Italia ed immedesimatasi nella cultura meneghina più degli indigeni. Uomo che amava la cultura popolare: "Milàn cunt el cor in màn". Lassù il suo amico Giorgio avrà composto una canzone con la quale ti accoglierà nel regno dei giusti. Addio vero figlio del popolo della grande Milano.

    Report

    Rispondi

  • giogiupa

    30 Marzo 2013 - 11:11

    Quante volte ho ...passato i tuoi pezzi dai 91 di RPE, grande Enzo, negli anni 70/80! Sei stato e sarai sempre nel mio cuore! Sono sicuro che anche lassù porterai "scompiglio" con il tuo modo d'essere e sarai amato come in terra! Ciao, mitico!

    Report

    Rispondi

  • doris

    30 Marzo 2013 - 07:07

    Ancora un altro pezzo della mia giovinezza che se ne va,un umorismo surreale,intelligente ,mai volgare...ciao.

    Report

    Rispondi

  • mamex

    mamex

    30 Marzo 2013 - 05:05

    Veramente un "pezzo" unico nella costellazione degli artisti, un'acume di alto livello che mai si abbassò a trite diatribe sia politiche che commerciali. Grazie di essere esistito e sincere condoglianze alla famiglia! Che tristezza!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog