Cerca

norme

Bolzano: nuove misure per sostegno apprendistato

Bolzano: nuove misure per sostegno apprendistato

Bolzano, 25 gen. (Labitalia) - Con misure mirate la Provincia di Bolzano intende sostenere ulteriormente l’apprendistato e valorizzarlo: sarà rielaborata la legge provinciale e saranno avviati alcuni importanti progetti a favore dei giovani. Le novità sono state illustrate oggi, 25 gennaio, a Bolzano dall’assessore provinciale alla Scuola tedesca, diritto allo studio e formazione professionale, Philipp Achammer.

"Con la riforma del mercato del lavoro (regolamento di attuazione del Jobs act), a giugno è stata modificata a livello statale -spiega la nota- la normativa sui contratti d’apprendistato e già allora i rappresentanti politici locali e l’assessore Achammer erano riusciti a far approvare alcune norme di notevole importanza per l’Alto Adige. Assieme al direttore dell’area apprendistato, Hartwig Gerstgrasser, e alla direttrice reggente dell’Ufficio apprendistato e maestro artigiano, Gertraud Aschbacher, l’assessore ha presentato le novità avviate nel settore".

"La formazione professionale duale in Alto Adige è un modello che necessita però di adeguate condizioni per continuare a svolgere il suo ruolo sul piano delle politica della formazione, del lavoro e dell’economia", ha spiegato Achammer. Obiettivo della Provincia, ha rimarcato, è "stabilizzare il numero degli apprendisti e di aumentarlo". La presenza di un modello di formazione duale contribuisce ad abbassare le dimensioni della disoccupazione "e i giovani si inseriscono precocemente nel mondo del lavoro", ha aggiunto l’assessore.

Tra le novità figura la possibilità di conseguire il diploma di maturità tramite un contratto di apprendistato. Nel regolamento di attuazione alla legge statale sul Jobs act è stata infatti introdotta una norma per l’Alto Adige secondo cui il quinto anno di scuola professionale che porta alla maturità potrà essere svolto anche con un apposito contratto di apprendistato biennale. Giovani con un diploma professionale, quindi con l’attestato di un percorso d’apprendistato quadriennale o di un percorso di formazione professionale, hanno la possibilità di conseguire la maturità senza dover lasciare il posto di lavoro.

Nell’anno scolastico 2017-2018, chiariti i dettagli con le parti sociali, questo nuovo modello sarà sperimentato per la prima volta. Il percorso sicuramente non sarà semplice, considerato che gli apprendisti dovranno sostenere un esame di ammissione nelle materie di cultura generale per poi apprendere tutto il programma didattico del quinto anno parallelamente alla professione. Un’altra novità riguarda l’apprendistato stagionale nel settore alberghiero: la possibilità di assumere apprendisti nel settore con contratti stagionali è stata accolta nel Jobs act e sarà inserita anche nell’ordinamento dell’apprendistato provinciale. In Alto Adige circa l'85% degli apprendisti cuochi e camerieri è assunto con un contratto stagionale.

In futuro, sarà possibile anche prorogare il contratto di apprendistato fino a un anno se il giovane alla fine del periodo di apprendistato non ha ancora terminato la scuola professionale o non ha sostenuto l’esame di fine apprendistato. Finora gli apprendisti con un contratto che terminava durante l’anno scolastico o che dovevano ripetere l’anno dovevano chiedere al datore di lavoro un permesso (a volte non retribuito) per poter concludere la formazione scolastica. Questa novità permette invece ai giovani di terminare la loro formazione professionale. La proroga dei contratti di apprendistato è possibile solo per i contratti che sono stati stipulati dopo l’entrata in vigore del Jobs act, vale a dire dal 25 giugno 2015.

Nella conferenza stampa, svoltasi nei laboratori della scuola professionale per l’industria e l’artigianato, sono state illustrate anche le misure principali contenute nel Patto per l’apprendistato 2015-2018 siglato dalla Provincia e dalle parti sociali: l’integrazione dei corsi di sicurezza sul lavoro nella formazione offerta dalle scuole professionali e la frequenza gratuita per gli apprendisti dei mestieri oggetto d’apprendistato con 4 anni di formazione, un servizio di consulenza e coaching per datori di lavoro e formatori aziendali di apprendisti, un progetto triennale per aumentare il numero di giovani che superano l’esame di fine apprendistato.

Il progetto è rivolto soprattutto a coloro che hanno terminato la scuola professionale e il periodo di apprendistato ma non si sono mai presentati all’esame di fine apprendistato.

Infine, è stata presentata la targhetta 'Noi formiamo apprendisti': un progetto congiunto di Provincia e associazioni economiche che assegna il riconoscimento e attribuisce maggiore visibilità a tutte le imprese che si impegnano nella formazione di apprendisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog