Cerca

puglia/bari

Puglia, con Garanzia Giovani al via azioni per reinserimento 15-18enni

Puglia, con Garanzia Giovani al via azioni per reinserimento 15-18enni

Bari, 29 mar. (Labitalia) - Al via, dalla Regione Puglia, le azioni per il reinserimento formativo dei 15-18enni con il bando 'Garanzia Giovani'. “Nonostante i risultati ottenuti con il bando 'Diritti a scuola' rivolto ai giovani nella fascia di età 6-15, con cui abbiamo abbattuto il tasso di dispersione scolastica di oltre 10 punti percentuali, il numero dei giovani pugliesi che abbandona prematuramente il percorso scolastico è ancora significativo”, ha detto Sebastiano Leo, assessore all’Istruzione, alla formazione e al lavoro.

“Con il bando relativo all’azione 2B 'Garanzia Giovani' -ha chiarito- di cui pubblichiamo le graduatorie degli organismi di formazione accreditati e selezionati che erogheranno la misura, è nostra intenzione riportare tra i banchi di un’aula le ragazze e i ragazzi tra i 15 e i 18 anni in condizione di Neet, favorendone il rientro in percorsi formativi utili a conseguire una qualifica professionale o un diploma".

"Si tratta -ha continuato Leo- di offrire loro un’opportunità, cogliendo pienamente lo spirito del programma 'Garanzia Giovani'. Con questa misura avvieremo a formazione oltre 2.200 giovanissimi strappati alla condizione di totale inattività, dotandoli di un titolo spendibile sul mercato del lavoro”.

Attraverso la procedura telematica, sono pervenute 75 istanze di candidatura all’Avviso da parte di altrettanti soggetti. A chiusura delle operazioni di valutazione di ammissibilità sono state dichiarate ammesse alla valutazione di merito 72 proposte. Dei 72 progetti valutati e risultati idonei, 61 progetti da 900 ore più 61 progetti da 500 ore hanno trovato capienza nelle risorse complessivamente disponibili, pari a 10.800.000 euro, e quindi risultano finanziati.

I progetti da 500 ore saranno percorsi di potenziamento-acquisizione di competenze, articolati in moduli certificabili, anche personalizzati, caratterizzati da contenuti didattico-formativi innovativi e attraenti, comunque riferibili a competenze di base, trasversali e tecnico-professionali nei quali particolare attenzione sarà dedicata all’apprendimento in contesti anche diversi da quello d’aula e centrati su attività di didattica laboratoriale o sull’esperienza in azienda. Al termine del percorso, sarà rilasciato un attestato delle competenze certificate.

Al termine dei percorsi formativi da 900 ore, verrà rilasciato un attestato di qualifica professionale, valido su tutto il territorio nazionale ed europeo, spendibile nel mercato del lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog