Cerca

norme

Dal Cdm primo ok a modifiche per Isfol e Anpal

Dal Cdm primo ok a modifiche per Isfol e Anpal

Roma, 10 giu. (Labitalia) - Primo via libera dal governo ai decreti correttivi del Jobs Act per l'Isfol e Anpal. In base alle modifiche varate dal Cdm l’Isfol, l'Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori, viene ribattezzato Inapp, e avrà la possibilità di accedere ai dati elementari detenuti dall’Istat, dall’Inps, dall’Inail, dall’Agenzia delle entrate e da altri enti e amministrazioni. Per i dipendenti dell'Isfol inoltre si sopprime il 'ruolo ad esaurimento' per coloro che transitano nei ruoli Anpal, al fine di evitare che i lavoratori possano vedere pregiudicate le loro prospettive di carriera.

Quanto alla nuova Agenzia nazionale per le politiche attive per il lavoro, si legge nel comunicato del Consiglio dei ministri, con un decreto interministeriale del ministero del Lavoro e del Mef verranno individuale le risorse da disimpegnare che nella misura del 50 per cento confluiscono in una gestione a stralcio per essere utilizzate dal ministero del Lavoro. Si modificano inoltre in parte le funzioni attribuite all’Anpal. Da un lato, si chiarisce quali sono i servizi per il lavoro che rientrano nelle competenze dell’Agenzia, dall’altro si aggiunge la competenza sul coordinamento dei programmi formativi per i disoccupati per la qualificazione e la riqualificazione professionale, l'autoimpiego e l'immediato inserimento lavorativo, nel rispetto delle competenze attribuite alle regioni e province autonome. Si precisa inoltre che lo stato di disoccupazione è compatibile con lo svolgimento di rapporti di lavoro, autonomo o subordinato, se il lavoratore ricava redditi di ammontare esiguo tali da non superare la misura del reddito non imponibile.

Infine si introduce la possibilità per il ministero del Lavoro di revocare l’autorizzazione all’attivazione dei fondi interprofessionali per la formazione continua e di disporne il commissariamento qualora vengono meno i requisiti e le condizioni per il rilascio dell’autorizzazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog