Cerca

norme

Fogliani (Qui foundation): "Legge anti-sprechi grande risultato per Italia"

Fogliani (Qui foundation): "Legge anti-sprechi grande risultato per Italia"

Genova, 3 ago. (Labitalia) - "Un grande risultato per l'Italia, che dimostra così di saper tenere il passo con i paesi europei più virtuosi, come la Francia, nella lotta contro gli sprechi alimentari". Così Gregorio Fogliani, presidente della Onlus Qui Foundation, impegnata dal 2007 con 'Pasto Buono' per il recupero e la donazione di eccedenze alimentari ai bisognosi, commenta la legge contro gli sprechi alimentari.

"Grazie agli incentivi previsti dalla nuova legge -aggiunge Fogliani- donare diventerà più semplice. Rispetto alla norma approvata in Francia, quella italiana non è punitiva, ma punta sugli incentivi e sulla semplificazione burocratica. Questo farà certamente crescere il numero di locali disposti a donare e aumenterà le quantità di cibo salvato. Secondo le stime, questa legge potrebbe dimezzare il volume degli sprechi nel giro di dieci anni".

"Abbiamo calcolato che se tutti i pubblici esercizi italiani mettessero a disposizione le loro eccedenze, con una media di 20 pasti al giorni, si potrebbero distribuire addirittura 7 milioni di pasti quotidianamente. Noi, che con il progetto no profit Pasto Buono, abbiamo raggiunto i 500mila pasti recuperati all'anno, ci poniamo come obiettivo di recuperare e donarne 1 milione", spiega Fogliani.

La Onlus Qui Foundation, fondata dall'imprenditore Gregorio Fogliani, si impegna dal 2007, attraverso il progetto 'Pasto Buono', nella riduzione degli sprechi alimentari organizzando una rete solidale che prevede il ritiro delle eccedenze alimentari dai locali food e la donazione dei pasti, ancora sani e integri, a chi ha più bisogno.

Pasto Buono è stato inserito nelle best practice mondiali contro gli sprechi da Fao, che lo ha inserito nel progetto mondiale contro la fame 'Save Food'.

Pasto Buono è attivo a Genova, Milano, Mantova, Roma, Civitavecchia, Firenze, Cagliari e Napoli. Il progetto è attivo grazie al supporto di realtà no-profit come Caritas, Comunità di Sant'Egidio, Csv e City Angels. Tra i partner, la compagnia di navigazione Tirrenia e Gruppo Cremonini, che donano l'invenduto dei loro ristoranti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog