Cerca

norme

Ex Irisbus: firmato contratto sviluppo tra Invitalia e IIA

Ex Irisbus: firmato contratto sviluppo tra Invitalia e IIA

Roma, 27 set. (Labitalia) - Invitalia ha firmato il contratto di sviluppo con Industria Italiana Autobus (IIA Spa) per la riattivazione del sito produttivo 'Valle Ufita' di Flumeri (Avellino), ora inattivo. L’accordo è stato siglato da Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, e Stefano Del Rosso, presidente di IIA.

Il Programma di sviluppo industriale firmato da IIA prevede interventi di ripristino e di adeguamento dello stabilimento, oltre all’acquisto degli impianti e dei macchinari necessari per la produzione di: veicoli a motorizzazione anteriore e posteriore appartenenti al segmento mini-midibus (da 6,8 - 9,6 metri) ad utilizzo turistico e urbano; un veicolo 'Intercity' a motorizzazione anteriore da 7,8 metri.

L’investimento complessivo è di 25 milioni di euro, di cui 17,8 concessi da Invitalia (di cui 6,8 milioni a fondo perduto e 11 di finanziamento agevolato). Il progetto prevede a regime 302 occupati, con il totale reimpiego dei 297 lavoratori ex Irisbus, attualmente in cassa integrazione, che verranno gradualmente reinseriti nella produzione.

Per l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, il contratto di sviluppo firmato con Industria Italia Autobus “consente di rilanciare una importante realtà produttiva della Campania e garantire un futuro occupazionale ai circa 300 lavoratori che rischiavano di perdere il posto".

"Dopo quello di Termini Imerese - sottolinea - il contratto di sviluppo dimostra di essere uno strumento efficace anche per salvaguardare la vocazione industriale di alcune importanti aree del Mezzogiorno sottraendole al rischio di un declino produttivo”.

Per il presidente e amministratore delegato di Industria Italiana Autobus, Stefano Del Rosso, "si tratta di un momento importante non solo per la rinascita di uno stabilimento di produzione, ma perché segna anche un’inversione di tendenza dell'Italia che finalmente, grazie all'impegno del governo, di Invitalia e degli imprenditori, si riappropria di un’antica e profonda capacità: la costruzione di un manufatto (autobus), ricco di storia e di tecnologia, espressione dell'elevata capacità dei lavoratori Italiani”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog