Cerca

norme

Brexit: l'esperto, garantiti diritti lavoratori fino attivazione art.50

Brexit: l'esperto, garantiti diritti lavoratori fino attivazione art.50

Roma, 3 ott. (Labitalia) - "A oggi non risultano nel Regno Unito sostanziali interventi attuativi a seguito del risultato delle votazioni sulla Brexit. L’unica anticipazione è quella che l’articolo 50 del Trattato di Lisbona verrà attivato entro marzo 2017. Questo significa che la legislazione sul lavoro a livello europeo continuerà ad essere applicata in Uk fino a quando sarà membro dell’Unione europea, e i cittadini dell’Ue che stanno attualmente vivendo e lavorando nel Regno Unito continueranno ad avere il diritto di farlo". Così l'avvocato e giuslavorista Fabrizio Daverio, socio fondatore dello studio legale Daverio & Florio, che in Italia rappresenta Innangard, il network internazionale specializzato nel diritto del lavoro, commenta gli effetti della Brexit.

E per il post Brexit, spiega Daverio, "il primo ministro Theresa May ha assicurato che i diritti esistenti dei lavoratori europei residenti in Gran Bretagna saranno garantiti in pieno".

"Sempre sul fronte del lavoro, sembra che susciti un certo interesse politico -continua Daverio- la salvaguardia dei diritti dei lavoratori del Regno Unito derivanti dalla legislazione dell’Unione europea".

E infatti Daverio sottolinea che "una proposta di legge denominata 'Workers' Rights', relativa ai diritti dei lavoratori e al mantenimento degli standard dell’Unione europea, formulata da un membro del Parlamento, è stata votata a larga maggioranza il 7 settembre 2016".

"Il prossimo passo -continua il giuslavorista- sarà la prima lettura della proposta (18 novembre 2016) e, nonostante le proposte avanzate dai cosiddetti 'Private Members' raramente diventino legge, sono sicuramente utili a promuovere la causa".

"Per quanto riguarda i diritti dei lavoratori -rimarca l'esperto di diritto del lavoro- si fa riferimento, ad esempio, alle figure interinali, ai comitati aziendali europei, all’informazione e consultazione dei dipendenti, alle previsioni in tema di salute e sicurezza contenute nella normativa sul trasferimento d’azienda, alla direttiva sull’orario di lavoro e alla normativa a tutela del lavoro minorile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog