Cerca

Controcorrente

Giampaolo Pansa a nudo, dalla cugina "con le tette perfette" al libertino Scalfari. E poi Renzi: "Un bluff, vira al nero, gli manca il balcone"

Giampaolo Pansa a nudo, dalla cugina "con le tette perfette" al libertino Scalfari. E poi Renzi: "Un bluff, vira al nero, gli manca il balcone"

Dalla zia dalle "tette perfette" al libertino Scalfari, fino al Renzi ganassa che vira al nero. Giampaolo Pansa non ha mai avuto paura di andare controcorrente, correndo il rischio di venire etichettato come "traditore" dalla "sua" sinistra come accaduto dopo aver scritto I figli dell'aquila e Il sangue dei vinti sulla guerra civile italiana, gettando una luce cupa su alcuni aspetti della Resistenza. Intervistato dal Fatto quotidiano, l'editorialista di Libero si diverte a smitizzare personaggi, professioni, situazioni ripercorrendo i suoi quasi 80 anni di resistenza. 

La cugina, la mamma, la guerra - Si parte con gli aspetti più intimi e privati, affrontati sempre con burbera ironia.  Il nonno bracciante morto a 38 anni mentre zappava. L giovane zia Carolina, "la ragazza con le tette più belle della città. Mia madre, che faceva la modista, diceva sempre: non c’è nessuna donna, nessuna ragazza che ha delle tette come quelle di zia Carolina. A onor del vero anche mia madre aveva delle gran tette". Poi la giovinezza a Casale Monferrato, in Piemonte, "una città di provincia tutta affacciata sul Po", il padre Ernesto socialista non iscritto al partito e impiegato alle Poste telegrafi, "lo zio Francesco unico comunista dei fratelli", la "miseria più nera" da cui il papà è sfuggito facendo il militare nella Grande Guerra ("L'esercito mi ha dato per la prima volta un cappotto e finalmente un paio di scarponi nuovi - ricordava Pansa senior -. Per la prima volta, sotto l'esercito, ho mangiato due volte al giorno, e c'era sempre un pezzo di carne oppure il baccalà. Ho mangiato il cioccolato, ho bevuto il cognac. E poi, per la prima volta, sono andato a donne nei bordelli militari della Terza armata. La prima volta è stato con una donna di quarant'anni, io ero un ragazzo. Però meglio che niente, mi ha svezzato"). Tra tutte svetta la figura della mamma, "donna pazzesca, forte, energica". Quando un giorno, nel maggio '44, il piccolo Giampaolo e sua sorella sentono il rombo dei bombardieri pensano sia arrivata l'ora della fine. "No, no Giampa – mi chiamava così – non dobbiamo morire, adesso dobbiamo mangiare le frittelle che ho appena cucinato". 

Dalla Stampa a Barbapapà - Giornalista precoce perché spinto dal maestro, Pansa ha trascorso la carriera dal '59 a oggi in tutte le più prestigiose testate italiane: La Stampa con il direttore Giulio De Benedetti (che gli assegnò uno stipendio da 120mila lire al mese per trasferirsi a Torino), al Giorno chiamato dall'(allora) amico Giorgio Bocca, al Messaggero, al Corriere della Sera con Piero Ottone. Infine nei santuari di sinistra, Repubblica prima e l'Espresso poi. Con Scalfari "ci sono stato la bellezza di 16 anni. Dopodiché ne ho fatti altri 17 all'Espresso: 33 anni con quelli lì". "La grande lezione di Scalfari è che il direttore di un giornale, specie di un giornale che ha bisogno di crescere, deve pensare al giornale 24 ore al giorno. E deve viverci dentro almeno 12 o 13". Una volta Barbapapà predicava il giornale libertino, in grado di sconfessarsi e smentirsi. Oggi invece "è diventata una caserma, siamo al servizio militare portato all'estremo". Un po', forse, come vorrebbe Matteo Renzi e il suo partito della nazione.

"Renzi? Gli manca solo il balcone" - E proprio a Renzi è riservata la parte finale dell'intervista. "Anche lui vorrebbe ridurci al pensiero unico, ma non ci riuscirà perché gli italiani sono anarchici, e gli piace essere comandati da un uomo dal polso duro. Però poi si stufano". "Il premier è un bluff - prosegue Pansa -: purtroppo nella palude, nel vero senso della parola, della politica italiana di oggi lui giganteggia. È il nuovo leader della destra, lo dico in questo ultimo libro che è uscito per Rizzoli, La destra siamo noi. Deve solo imparare a fare i discorsi da un balcone... E' arrogante, disprezza chi non la pensa come lui. Renzi è un parolaio bianco, speriamo non diventi nero. Circondato da troppe persone inesperte, amici degli amici degli amici. In politica la forma è sostanza. Mi ricorda una vecchia battuta su cui Forattini aveva costruito una vignetta, che diceva Quando il sole è al tramonto anche l’ombra del nano si allunga: il disegno riguardava Fanfani. Però pensaci un po' bene: quando il sole è al tramonto anche l'ombra del nano si allunga...". Il tempo di Renzi però non è infinito: "E' vero che gli italiani sono un popolo un po' anarchico, non amano ubbidire, gli piace essere comandati e possono anche fingere di obbedire, però in fondo non gli va: è una cosa che Renzi non ha ancora capito. La gente è stufa dei politici ganassa, vedremo cosa succederà quando gli italiani si renderanno conto che la grande ripresa non c'è, che soprattutto sta nascendo un modo di far politica accentratore... Ma scusa, questo è andato dal presidente della Repubblica a dire: adesso tengo io l’interim del ministero delle Infrastrutture. Ma siamo pazzi?"

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maripis

    29 Marzo 2015 - 19:07

    che il giornalista gianpaolo pansa ha ragione: renzi e' uno sbruffone , arrogante, superbo, giuda come non pochi se ne frega di tutti ,tranne che di se stesso. e' un uomo che puo' essere pericoloso per tutti noi.

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    29 Marzo 2015 - 18:06

    Ma il Presidente della Repubblica cosa gli ha risposto? " Si signor duce?

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    29 Marzo 2015 - 16:04

    Guardando con un minimo di attenzione ciò che sta succedendo nel nostro Paese, se aspettiamo che gli Italiani (il "popolo") si rendano conto dell'inesistente ripresa e della deriva accentratrice del potere etc. etc. siamo mal messi: un giorno ci sveglieremo e semplicemente l'Italia non esisterà più. E Renzi-superstar non avrà neppure più bisogno del famigerato balcone. Amen.

    Report

    Rispondi

  • lonato47

    29 Marzo 2015 - 16:04

    Alla domenica il rosicone ex rosso pentito, il lunedi il rosicone contro il Papa. Libero hai qualcuno che sa fare un articolo obiettivo non inficiato dall'odio che fa pari a quello dei radical chic contro Berlusconi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog