Cerca

Processo

Ruby, il padre al processo: "Lei voleva i soldi"

Il signor Mohammed sentito dal giudice ha parlato di una ragazza ribelle, che ha cominciato a scappare da scuola quando aveva 14 anni.

Ruby, il padre al processo: "Lei voleva i soldi"

 

Povera Ruby, nello scandalo del Bunga Bunga, c'è finita per un solo motivo: voleva essere ricca. A dirlo è stato il padre, sentito questa mattina dai giudici della quinta sezione penale di Milano come testimone nel procedimento parallelo a quello che coinvolge Silvio Berlusconi e che vede imputati Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede. 

Mohammed el Mahroug ha parlato di una ragazza ribelle, che ha cominciato a scappare da scuola quando aveva quattordici o quindici anni. Poi ha spiegato: "Siamo povera gente. Io volevo che lei vivesse dignitosamente, che studiasse e avesse un lavoro, che vivesse a casa con noi", ha detto l’uomo rispondendo alle domande del pm Antonio Sangermano. E invece è arrivata ad Arcore, protagonista delle feste organizzate da Silvio Berlusconi. Il padre di Ruby ha spiegato di avere ricevuto "solo una volta" dei soldi dalla figlia e ha parlato di circa 500 euro. All'inizio della testimonianza ha ribadito: "Non ho nessun legame di parentela con Mubarak", ha ribadito all’inizio della sua testimonianza. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • freefaber

    19 Ottobre 2012 - 20:08

    Beh, che dire? quando si cita un giurista del calibro di Sechi...giù il cappello. Per il resto i 27-0 i 6-0 6-0 i tie-break i 3-0 a tavolino non mi interessano un granché. Mi interessa vivere in un Paese civile, quello si.

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    30 Settembre 2012 - 13:01

    di babbeo qua ci sei tu... che voti papi difensore delle famiglie tradizionali.. che invece poi paga per strusciarsi con delle ragazzine... che sfigato che sei...

    Report

    Rispondi

  • losaccodomenico

    30 Settembre 2012 - 11:11

    ridete, ridete, vedremo alla fine chi riderà, se ben ascoltato una sera a Ballarò, il direttore de IL TEMPO giornale, MARIO SECHI,disse che per il caso RUBY, la magistratura à una pistola senza colpi.Se voi comunisti volete sparare,sparate, ma mettete i colpi, ricordatevi, per il momemto tra 27 cause vinte da Berlusconi, la magistratura rossa, non vinte nulla, vi ricordo 27 a 0 ridete, ridete,ridete

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    29 Settembre 2012 - 19:07

    Che fa la morale? Pensi ai preti e cardinali pedofili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog