Cerca

Il tweet della pace

Renzi propone una tregua a Bersani:
"Prendiamoci un caffè insieme"

Alla vigilia del voto il sindaco di Firenze chiede al segretario un appello congiunto alla serenità

Ecco il tweet di Matteo:  "Caro @pbersani, siamo entrambi a Milano. Ci prendiamo un caffè insieme"
Renzi propone una tregua a Bersani:
"Prendiamoci un caffè insieme"

Alla vigilia del voto, dopo una settimana di parole grosse, gesti clamorosi e accuse reciproche, il candidato delle primarie del centro sinistra Matteo Renzi propone una tregua al suo sfidante. "Caro @pbersani, siamo entrambi a Milano. Ci prendiamo un caffè insieme e facciamo un appello alla serenità per domani?", scrive il sindaco di Firenze su Twitter al segretario del Pd.

Guarda il video del comizio a Milano di Matteo Renzi

Ma Pierluigi Bersani, anche lui a Milano per chiudere la campagna elettorale, non ha risposto. "Ieri ho chiesto a Bersani di fare un gesto di disponibilità per recuperare un pò di serenità, di tranquillità e di calma in queste ore, ritirando il ricorso che il comitato di Bersani aveva presentato contro di noi. E’ del tutto evidente che noi non abbiamo violato nessuna regola e non intendiamo farlo", ha commentato Renzi ai microfoni di Repubblica Tv, rinnovando l’appello allo 'sfidante' ai ballottaggi di domani: "Ci sembrava un gesto opportuno, ma purtroppo non è stato ascoltato il nostro appello, che rilancio oggi: siccome siamo all’ultimo chilometro di un lungo percorso e le primarie sono stata una bella occasione, il centrosinistra ha dato una bella prova di sè, perchè rovinare tutto all’ultima curva? Facciamo un appello insieme alla serenità - insiste Renzi - alla tranquillità, evitiamo le polemiche alla fine e evitiamo di accusare gli altri di non rispettare le regole".

Renzi a Bersani: "Ritira il ricorso e beviamoci un caffè" Guarda il video su Libero Tv

Renzi ai cronisti: "Non volevo buttarla in rissa" Guarda il video su Libero Tv

Sono nel pomeriggio Bersani ha accettato la tregua di Renzi. "Sono dispostissimo a farlo insieme, appena ci sarà una logistica che ci aiuti", ha detto prima di un comizio a Novara, ai giornalisti che gli chiedevano una risposta all’invito dello sfidante per un appello condiviso alla serenità in occasione del secondo turno delle primarie del partito. "Sono dispostissimo - ha precisato Bersani - a fare un appello alla serenità, alla regolarità di tutto quello che deve avvenire. Domani dobbiamo chiudere con una grande festa della democrazia, dopodichè ci si mette a lavorare assieme".  "Siamo tutti una grande squadra, quindi non ho nessuna difficoltà a lanciare questo appello". "Credo - ha concluso Bersani - che ci stia guardando tanto gente, non solo in Italia, e quindi dobbiamo essere all’altezza di questa responsabilità, fare le cose per bene fino in fondo. Qui stiamo facendo una cosa meravigliosa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giannistecca

    02 Dicembre 2012 - 09:09

    Premetto subito che il mio giudizio sui fatti di questi giorni é di uno di destra ed è del tutto personale. Il PD, se candiderà Bersani a Palazzo Chigi, avrà perso l'occasione d'oro di rottamare questa destra che non sa più che pesci pigliare. Renzi è il nuovo di una sinistra moderna, completamente affrancata dalla sinistra storica degli ex comunisti o degli ex catto-comunisti e sarebbe in grado di calamitare sulla sua persona molti voti di questa destra allo sbando, compreso il mio. Si, cari amici di destra, questo continua tira e molla di Berlusconi, vado no resto, no rivado ecc.ecc. mi ha proprio rotto. Non capisce che questa sua incertezza che ormai sfiora il dilemma amletico dell'essere o non essere non fa che nuocere all'elettorato di destra? Le simpatie per Renzi non gli dicono niente? Peccato. Se io fossi Renzi però, in caso di bocciatura delle primarie (da ridere, mi staccherei dal PD e farei un mio movimento: è il momento giusto. Rischia altrimenti l'oblio come i dissidenti.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    01 Dicembre 2012 - 20:08

    I cattolici non vogliono i matrimoni gay, l'aborto, l'eutanasia e tante altre violazioni contro la vita umana. Segui la tua coscienza...Dio ti vede, il PD no!

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    01 Dicembre 2012 - 19:07

    Se dovesse vincere prenderei una sbornia che dura un mese solo per la soddisfazione di vedere Bersani andare a zappare la terra. Tutto questo vecchiume dovrebbe sparire dalla scena politica e smetterla di rubare soldi senza fare niente di niente. I nostalgici masochisti non si rendono conto che il paese ha bisogno di giovani non ancora corrotti per portare avanti questa barchetta. Sparite cariatidi!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • bepper

    01 Dicembre 2012 - 19:07

    Non era il nonno di Renzi che aveva offerto il caffé a Pisciotta e Sindona?...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog