Cerca

In campagna elettorale

Monti strizza l'occhio agli operai
E Marchionne benedice il Monti-Bis

Scambio di complimenti tra il manager del Lingotto e il presidente del Consiglio, ormai in piena corsa per il "bis"
Monti strizza l'occhio agli operai
E Marchionne benedice il Monti-Bis

 

Scambio reciproco di complimenti davanti agli operai della Fiat a Melfi tra l'amministatore delegato del Lingotto Sergio Marchionne e il presidente del Consiglio Mario Monti ormai in piena campagna elettorale. "L'agenda del governo dimostra coraggio e lungimiranza", ha detto il manager e il professore ha subito ricambiato: "Oggi, da Melfi, parte un’operazione che non è per i deboli di cuore ma noi sappiamo che può emergere un’Italia forte di cuore".

Ciò che vorrei per il Paese - Monti parlava del piano di investimenti per lo stabilimento di Melfi di oltre un miliardo approvato da Fiat, ma non si può non associare le sue parole a quello che è il programma che il Prof ha in mente per l'Italia. "Quello che accade qui non è magico, ma è emblematico della svolta possibile in Italia. È quello che vorrei per il Paese", ha infatti detto Monti lanciandosi poi nel parallelismo tra le innovazioni portate dal Lingotto e le riforme approvate dai tecnici per rimarcare il lavoro svolto fino a ora dal governo e fare così le prime promesse della sua campagna elettorale. "I sacrifici - ha detto il Prof - potrebbero essere prontamente spazzati via facendo ripiombare il paese in uno stato nirvanico". 

"Non dissipare i sacrifici" - Proprio per questo, a detta di Monti, sarebbe "irresponsabile" dissipare i sacrifici che l'attuale esecutivo ha chiesto agli italiani. "Tredici mesi fa l’Italia aveva febbre alta e non bastava un aspirina - ha continuato - ma una medicina amara non facile da digerire ma assolutamente necessaria per estirpare la malattia". Gli operai hanno applaudito lungamente sia Monti che Marchionne, ma erano solo una parte della categoria: alla festa di Melfi erano stati esclusi quella della Cigl e quelli Fiom. E a loro forse si riferiva il premier quando ha detto: "Fare le riforme, accettare le riforme, per cogliere nuove opportunità anche per i lavoratori", non rimanendo legati ad "una catena che inchioda al passato". Il premier ha poi messo in in guardia dal "rifiuto del cambiamento", dal "restare aggrappati ad un passato che non tornerà, arroccati a forme di tutela degli interessi dei lavoratori che nel tempo hanno l’effetto opposto".

Piano Fiat - Quanto allo stabilimento di Melfi a partire dal 2014 la Fiat di Melfi produrrà due nuovi modelli, uno a marchio Jeep e l’altro per il brand Fiat che saranno venduti in tutto il mondo. L’annuncio è stato dato dall’ad del gruppo, Sergio Marchionne, alla presenza del consiglio dei ministri Mario Monti e del presidente della Fiat John Elkann. Lo stabilimento lucano ha avviato la produzione nel 1993, occupa circa 5mila 500 unità e, fino a oggi, ha prodotto 5,5 milioni di modelli 'Puntò e 'Y'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    21 Dicembre 2012 - 12:12

    ma credi proprio che gli operai impiegati siano tutti stupidi solo perchè non laureati alla Bocconi? Gli operai da tempo hanno capito che votare sx vuol dire pagare tasse che diminuiscono uno stipendio che non aumenta mai. E non serve nascondersi in un centrino,difficilmente si potranno dimenticare le tasse di questo anno e che proseguiranno negli anni futuri fatte dal tuo governo rosso golpista.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    20 Dicembre 2012 - 20:08

    Cosa hanno risposto gli operai, gli impiegati ed i quadri? Gli hanno creduto?

    Report

    Rispondi

  • marco1927

    20 Dicembre 2012 - 20:08

    non'è credibile. votare una sua lista significherebbe essere complici di un omicida.. tutti ricordano i suicidi degli ultimi mesi, e tutti ricordano che lo stato deve oltre 90 miliardi alle imprese ma Monti ha prestato miliardi alla Grecia, alla Spagna e all'Irlanda senza mettere in dubbio queste manovre pro europa ma assolutamente assurde per il cittadino.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    20 Dicembre 2012 - 19:07

    Quanto di peggio ci sia stato dall'inizio della storia repubblicana in fatto di primi ministri e quanto di peggio ci sia stato quale amministratore delegato dell'ex più grande fabbrica privata italiana si stringono la mano contenti - pensano loro - di poter continuare a schiavizzare i lavoratori italiani. Sono due cadaveri che camminano e per i quali la fine è imminente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog