Cerca

Il retroscena

Berlusconi ora ha paura per i servizi sociali

Il 10 aprile si avvicina e per Silvio Berlusconi sono giorni di grande preoccupazione. Le Europee, il patto con Renzi sulla legge elettorale, i maldipancia nel suo partito: tutto passa in secondo ordine rispetto alla decisone del Tribunale di Sorveglianza che tra meno di un mese gli comunicherà in che modo dovrà scontare la pena inflittagli dalla Cassazione per la vicenda Mediaset.

"A lui interessa solo quella scadenza", dicono i fedelissimi secondo il retroscena del Corriere della Sera, "non pensa ad altro, non parla di altro, realmente. E' angosciato, prostrato, ha un pensiero fisso e nulla sembra distoglierlo".

A mettere paura al Cavaliere non sono solo i domiciliari, che di fatto lo metterebbero fuori gioco per la prossima campagna elettorale, ma anche l'ipotesi servizi sociali. "Ma vi rendete conto a quale umiliazione vengo sottoposto", si sarebbe sfogato con i suoi. "Bene che vada sarò costretto a due colloqui settimanali con gli assistenti sociali, dico gli assistenti sociali... E' un incubo, una follia Come possono fare questo a me, un uomo che ha dato tantissimo in tutti i campi, nell'impresa, nel calcio, nella politica al livello massimo mondiale?". I frequentatori di casa Berlusconi parlano anche della sua ira nei confronti di Giorgio Napolitano , "che avrebbe potuto fare molto per lui", e per i giudici.

Per questo, fa notare Paola Di Caro, è molto difficile immaginare che nei prossimi giorni dal Cav possano arrivare decisioni importanti che riguardino la sua candidatura e l'atteggiamento da tenere con il governo. Una cosa però deve fare. E cioè sistemare le cose in Forza Italia dove il disagio è ormai oltre il livello di guardia tra liti interne (Carfagna Vs Brunetta), sospetti, accuse come quella di Sandro Bondi che resta fuori dalla scena politica perché "non posso riconoscermi in un partito sempre più rappresentato dalla Santanché". Secondo il retroscena del Corsera nei prossimi giorni farà qualche nomina nel suo partito e non è escluso che in settimana si arrivi al varo dell'annunciato varo dell'Ufficio di Presidenza. Oggi intanto Berlusconi ha fissato a Roma un incontro con Denis Verdini, che secondo i più maliziosi, ha ancora in mano il partito azzurro e che ha ritrovato come braccio destro Daniela Santanché. Poi potrà tornare a pensare al 10 aprile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filgio49

    12 Marzo 2014 - 22:10

    F:I: sara' anche un casino, ma almeno c'e' una persona sola che dirige le operazioni, giuste o sbagliate che siano.. ma voi sinistri mi volete spiegare chi e' il faro? Renzi, Cuperlo, Civati, D'Alema, Bersani e chi piu' ne ha piu' ne metta! Mi volete dire chi e' il vs Dio da idolatrare? Spiegatemelo, eruditemi, perche' ho un gran" casino" in testa....

    Report

    Rispondi

  • dodo1861int

    12 Marzo 2014 - 21:09

    filippo 1- non storpiare le canzoni di Modugno! il bordello ce l'hai nella tua mente confusa.

    Report

    Rispondi

  • zuma56

    12 Marzo 2014 - 20:08

    Carfagna e Brunetta, tutte e due hanno dato tutto per Berlusconi !

    Report

    Rispondi

  • filippoIV

    12 Marzo 2014 - 18:06

    Basta avere un po' di pazienza, ormai sono passato quasi vent'anni, giorno più giorno meno la fine è vicina. Io memmete e dudù! Ti avevo detto, dal primo appuntamento, 'e nun purta' nisciuno appriesso a te... Invece mo nu frato, na sora, na nepote... sola nun staje na vota ascimmo sempre a tre! E mi hai promesso "Domani chi lo sa... vengo io soltanto... soltanto con mamma'!" e Dudù?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog