Cerca

C'eravamo tanto amati

Albertini avverte Formigoni:
"Se parlo ti rovino"

L'ex governatore della Lombardia scarica l'ex sindaco di Milano nella corsa al Pirellone. Lui non ci sta

Scambio di accuse reciproche tra i due ex compagni di partito. Il Celeste pare stia trattando con il Cav un posto al parlamento in cambio del sostegno a Maroni
Gabriele Albertini e Roberto Formigoni

Gabriele Albertini e Roberto Formigoni

 

Ha aspettato che Pdl rinnovasse l'alleanza con la Lega e che Mario Monti si schierasse dalla parte dell'ex sindaco di Milano per scaricare Gabriele Albertini nella sua corsa a governatore della Lombardia. Eppure fino a qualche giorno prima aveva definito Albertini il candidato "ideale" alla sua successione, "l'unico" in grado di far vincere il centrodestra. Cosa ha fatto cambiare idea a Roberto Formigoni solo lui lo sa. Le malelingue sostengono che dopo che il Cavaliere domenica scorsa ha rinnovato l'alleanza con Maroni, l'ex presidente della Regione abbia trattato un posto in Parlamento per sé e per un pugno di fedelissimi. "Smentisco in maniera radicale che si sia mai parlato di posti per me e i miei amici in Parlamento o in Regione", ha negato Formigoni su Twitter per poi ribaltare le accuse su Albertini: "Cerca altre poltrone oltre a quella di europarlamentare del Pdl".

L'avvertimento - Non si è fatta attendere la reazione dell'ex sindaco di Milano. "Io faccio un avvertimento a Formigoni: non mi inquieti troppo. Perchè posso fare delle   dichiarazioni che lo metterebbero a terra. E lui sa di cosa sto parlando", ha detto Gabriele Albertini spiegando che "i colloqui, che hanno riguardato argomenti molto vicini a lui, sono avvenuti nel mio ufficio e sappiamo di cosa   stiamo parlando. Quindi non parliamo di poltrone perchè non credo che abbia argomenti, diciamo, apprezzabili da rappresentare".

Il passo indietro - Le dichiarazioni ovviamente hanno scatenato un vespaio di polemiche. "Se sa qualcosa lo dica", è stato l'appello della sinistra mentre a destra l'avvertimento è stato letto come un "messaggio mafioso". Da parte sua Albertini ha poi corretto il tiro. "In merito a ricostruzioni fantasiose che vedo e sento rispetto alle mie dichiarazioni, tengo a precisare che il progetto politico costruito con Formigoni in questi mesi è stato oggetto di lunghi incontri, ragionamenti politici ed elettorali spesso avvenuti nel mio ufficio di lavoro. A questi incontri e ragionamenti e a null'altro, tantomeno di natura penale, mi riferivo nelle mie dichiarazioni". "Con Formigoni - ha spiegato  Albertini - ci siamo lasciati con un reciproco accordo sul doveroso rispetto del riserbo di quegli incontri. Riserbo che intendo rispettare, come ho fatto sino ad oggi. Non intendo però - conclude - essere attaccato su appetiti di poltrone o scambi di potere che non sono nella mia natura nè nell’ottica del mio impegno politico".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ABU NAWAS

    22 Gennaio 2013 - 05:05

    PER UNA POLTRONA, FAREBBE QUALSIASI COSA. CHE SANT'AMBROGIO PROTEGGA MILANO DALLE AMBIZIONI DI ALBERTINI!!

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    21 Gennaio 2013 - 15:03

    Per una poltrona anche Albertini scende ai bassi livelli. Se sapeva qualcosa poteva renderla pubblica subito non aspettare il momento a lui più proprizio per ricattare. Non è neanche questo un comportamento onesto!!!

    Report

    Rispondi

  • gioch

    15 Gennaio 2013 - 10:10

    Monti ha praticamente confessato di aver lavorato contro il governo che l'ha mandato in Europa,dopo essersi pentito di essere stato ammaliato dal "pifferaio".Mica avrà continuato a sostenerlo,no? Lo "smutandato" ex sindaco Albertini minaccia come un mafiosetto qualsiasi. Che sobrie personcine.Oneste e corrette.

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    14 Gennaio 2013 - 17:05

    la vicinanza,intendo geografica,con Penati, è contaggiosa.Ti consiglio di allontanarti, e non solo geograficamente.Sei in pericolo di contaggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog