Cerca

Alleanze europee

Nigel Farage: "Ecco perché sto con Beppe Grillo"

Nigel Farage

Nigel Farage si dice «fiducioso» nel fatto che riuscirà a realizzare a Strasburgo un’alleanza tra il suo il Ukip e il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. «Entrambi vogliamo che funzioni» ha detto, in un’intervista al Corriere della Sera, il leader del partito euroscettico britannico, esortando i parlamentari pentastellati che stanno esprimendo malcontento per questa ipotesi di alleanza di «smettere di ascoltare le informazioni sbagliate sull’Ukip diffuse dai nostri nemici».

«Ai grandi banchieri ed ai burocratici di Bruxelles piacerebbe vederci divisi perché in un gruppo insieme possiamo creare molti problemi», aggiunge Farage rivendicando, di fronte alle accuse di fascismo che gli vengono rivolte, che il suo partito «non è di destra nè di sinistra, ma vogliamo una democrazia nazionale per la nostra gente». L’Ukip, continua, «è il partito più votato tra il proletariato» perchè «ci ergiamo a difesa della gente comune che sta perdendo il lavoro e vede lo stipendio ridursi». Farage ribadisce poi la sua ammirazione per Grillo: «Da tempo mi affascina il lavoro politico di Grillo e sono rimasto colpito quando l’ho incontrato, ha una mente politica acuta. Quello che mi ha impressionato di più è stata la sua passione nitida per la democrazia diretta».

Farage promette che accetterà le regole di rotazione dei ruoli interne al Movimento e sull'immigrazione chiarisce: «Ogni partito nel gruppo avrà libertà di voto su qualsiasi argomento. Non si tratta di un matrimonio politico, ma di un matrimonio di convenienza strategico e pragmatico, una scelta intelligente». Poi si difende dalle accuse di razzismo e omofobia: "E' completamente falso. Come Grillo sono stato ingiustamente demonizzato dai media ostili. Disprezzo il razzismo. Siamo un partito non razzista, non settario. Uno dei nostri europarlamentari, lo scozzese David Coburn, è dichiaratamente gay. Abbiamo anche tra gli europarlamentari un musulmano pachistano dello Yorkshire, un meticcio dal Nord-Ovest. Esercitiamo la diversità, non ne parliamo solo". E riguardo alla proposta di un salario differente per le donne la smentisce categoricamente. "Non ho mai detto ciò. Io sostengo una paga identica per un identico lavoro per entrambi i sessi. Ci opponiamo alla discriminazione in tutte le sue forme".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariomassioli

    04 Giugno 2014 - 08:08

    A TUTTI I PARTITI ANTIEURO. EGR.SIG.Se non vi mettete in testa che dovete avere una unica guida macroeconomica, per combattere il vero potere che sta distruggendo l'eurozona , non risolverete nulla. Per quanto ne sò esiste una sola scuola macroeconomica attrezzata per combattere contro questi MOSTRI, E' LA ME-MMT. STUDIATELA , CONTATTATE I MACROECONOMISTI DELLA ME-MMT, DIVULGATELA ALLE POPOLAZI

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    03 Giugno 2014 - 21:09

    Quello che mi sembra fumoso è che Grillo per la realtà delle cose NON HA TITOLO per parlare a nome degli elettori m5s. Lo ha sempre detto lui stesso e poi razzola male perche' a parlare con Farage ci dovevano andare i ragazzi del m5s. Il movimento è condannato a trasformarsi in una sorta di F.I. dove chi conta è SOLO Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    03 Giugno 2014 - 14:02

    Farage: "Vi spiego perché sto con Grillo" ... perché è l'unico che ti sta a sentire!

    Report

    Rispondi

  • tanyaes

    03 Giugno 2014 - 13:01

    ecco, ci voleva uno straniero, lucido coerente e coraggioso che ammettesse di essere stato colpito da una mente politica acuta e dalla passione per la democrazia diretta di Grillo per suonare l'allarme. L'avete chiamato demagogo populista e per screditare tutto quello che diceva l'avete definito comico come se chi fa il comico non avesse capacità di percepire la realtà e la tragedia che incombe

    Report

    Rispondi

blog