Cerca

Il colpo di scena

Camorra, il Tribunale di Napoli assolve i boss Iovine e Bidognetti: "Niente minacce a Roberto Saviano"

Camorra, il Tribunale di Napoli assolve i boss Iovine e Bidognetti: "Niente minacce a Roberto Saviano"

I boss dei Casalesi Antonio IovineFrancesco Bidognetti sono stati assolti a Napoli nel processo per le minacce allo scrittore Roberto Saviano e alla giornalista e senatrice Pd Rosaria Capacchione. Bisognetti e Iovine, che qualche mese fa ha deciso di collaborare con la giustizia, sono stati assolti "per non aver commesso il fatto". I pm avevano chiesto la condanna a un anno e sei mesi per il primo e l'assoluzione per il secondo. Assolto anche l'avvocato Carmine D'Aniello, per il quale era stata chiesta una condanna sempre di un anno e sei mesi. I giudici della terza sezione del Tribunale di Napoli hanno condannato solo Michele Santonastaso, legale di Bidognetti, a un anno di reclusione, con pena sospesa. Il legale dovrà anche risarcire i danni all'autore di Gomorra, alla onorevole democratica e all'Ordine dei giornalisti della Campania, che si era costituita parte civile al processo. Stabilita anche una provvisionale di 20mila euro alla Capacchione.

"Saviano: i boss sono guappi di cartone" - "Sono un po' frastornato - è il commento a caldo di Saviano -, tutte le forze civili, la società civile, sono riuscite a creare un corto circuito e a sollevare l'attenzione. Dare la scorta a chi scrive, significa garantire un diritto costituzionale". Per lo scrittore la condanna del solo Santonastaso si tratta comunque di una mezza vittoria: le minacce ci sono state, sia pur non partite direttamente dai due boss che Saviano definisce "guappi di cartone". "Spero che questa sentenza sia un primo passo verso la libertà, spero ci sia per me una nuova vita", è l'auspicio del 35enne autore napoletano, che vive sotto scorta dal 2006, quando le sue accuse ai boss della camorra salirono alla ribalta nazionale grazie al discusso e vendutissimo Gomorra

Le presunte minacce - Tutto nasce da un documento firmato da Iovine e Bidognetti letto dall'avvocato Santonastaso durante un'udienza del processo d'Appello Spartacus, il 13 marzo 2008. In quel testo, i due boss accusavano Saviano e la Capacchione di essere "pseudo-giornalisti" e "prezzolati", manovrati a fini politici per colpire i due boss. Secondo il pm antimafia Antonello Ardituro, però, quelle parole altro non erano se non "messaggi" in "linguaggio mafioso" per invitare gli altri camorristi a colpire non solo Saviano e la Capacchone, ma anche altri nemici di spicco della camorra come i magistrati di Napoli Federico Cafiero de Raho e Raffaele Cantone (accusati dai boss di "imbrogliato le carte".

In Aula: "Sono in ansia, è la resa dei conti" -"Questo è un giorno decisivo e questo è un processo importante a prescindere da me, voglio essere obiettivo anche se sono coinvolto. Ciò che è certo è che sono tremendamente in ansia, lo vivo come una resa dei conti", scriveva Saviano poche ore prima sulla propria pagina Facebook. "Nella storia della camorra non era mai successo che i capi di un clan si fossero esposti così in prima persona sulla libertà di stampa, quindi questa è una novità assoluta - ricordava -. Il pentimento di Antonio Iovine è stato già anche in parte una vittoria. E' stato difficilissimo, quando sono andato in aula come testimone c'è stato un momento in cui la difesa dei boss ha cercato di processare me, di far saltare la mia credibilità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • formansel

    12 Novembre 2014 - 09:09

    Secondo me savia no era uno di loro , in quanto sapeva troppo e troppi lati oscuri.

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    11 Novembre 2014 - 12:12

    Lo aveva già detto in tempi non sospetti l'ex capo della squadra Mobile di Napoli, Vittorio Pisani. Stranamente però fu accusato di complicità con la camorra.

    Report

    Rispondi

  • dilan

    11 Novembre 2014 - 10:10

    che cazzaro questo saviano..............

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    11 Novembre 2014 - 09:09

    ma lo sapete come a napoli chiamano il plagiatore saviano?robertino chiagne e fotte...beh adesso per favore toglietegli la scorta.Il tribunale con la sentenza ha dimostrato che non serviva e non serve a niente,a nessuno fotte niente di questo individuo che deve la fama a mio avviso immeritata solo al fatto che ad un certo punto ha capito che gli conveniva fare il martire anticamorrista di mestiere

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog