Cerca

Epurazioni

Maria Carmela Lanzetta, la ministra "dimessa" da Matteo Renzi: "Vi racconto il perché..."

Maria Carmela Lanzetta, la ministra "dimessa" da Matteo Renzi: "Vi racconto il perché..."

Prima accetta, poi rifiuta. Il ministro Maria Carmela Lanzetta declassata da Matteo Renzi ad assessore della giunta regionale calabrese non ci sta: non ha nessuna intenzione di avere accanto un collega "chiacchierato" per rapporti con le cosche. "Ho rifiutato di partecipare a una giunta con De Gaetano: spero che il governatore Oliverio riveda la scelta", ha puntualizzato nell'intervista al Corriere nel quale si rammarica anche di come è stata trattata. Nessuno, infatti, l'ha interpellata prima di chiedergli le dimissioni. "Mi lascia stupita il metodo, non il merito", ci tiene a precisare l'ex speranza dell'antimafia calabrese. "Nel merito, non esiste un ruolo maggiore o minore, per me. Se si tratta di mettersi al servizio dell’utilità pubblica, un politico deve accettare, non può farne questione di ministero o assessorato", spiega Lanzetta. "Il metodo è difficile da mandar giù", ammette pur escludendo che l'epurazione renziana sia dovuto al suo essere vicina al dissidente Pippo Civati. Cosa che in molti pensano. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carmelo.brullo

    23 Febbraio 2015 - 03:03

    un premier votato da rom e zingari..........dimmi con chi vai e ti dirò chi sei.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    28 Gennaio 2015 - 14:02

    Perché? Un sospetto ce l'avrei. Era una nullità, come altri dello stesso governo.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    28 Gennaio 2015 - 12:12

    Chissà se ora la Lanzetta ha capito in che partito ha militato. Ho paura di no, ma pian piano tutte le schifezze fatte di sottobanco da Renzi salteranno fuori e poi ne riparleremo.

    Report

    Rispondi

    • arwen

      28 Gennaio 2015 - 12:12

      Veramente è un pezzo che saltano fuori schifezze, bugie, errori, favori, raccomandazioni, epurazioni e ipocrisie varie, ma le pecorelle rosse preferiscono nascondere la testa sotto la sabbia e continuare a giocare agli antiberlusconisti......La realtà nn è roba per loro!

      Report

      Rispondi

blog