Cerca

Coincidenze sul Colle

Quirinale, una donna unisce i figli di Napolitano e Mattarella: è Marianna Madia

Quirinale, una donna unisce i figli di Napolitano e Mattarella: è Marianna Madia

Cosa, anzi chi unisce i figli dei due ultimi presidenti della Repubblica? Una donna ministro: Marianna Madia. Singolari coincidenze all'ombra del Quirinale, la titolare della Pubblica amministrazione ha avuto un legame sentimentale con Giulio Napolitano, erede di Giorgio, e ora è il datore di lavoro di Bernardo Giorgio Mattarella, primogenito di Sergio. Il 47enne docente di Diritto amministrativo, infatti, è oggi capo dell'ufficio legislativo del ministro Madia, con uno stipendio da 125mila euro lordi all'anno. Mattarella Junior, come scriveva il Giornale, è oggi ordinario amministrativista all'Università di Siena e condirettore del Master in management della Pa alla Luiss di Roma, ma è entrato al Ministero della Funzione pubblica già nel 1993, a 25 anni. Pupillo di Sabino Cassese, vi è tornato in pianta stabile con Renato Brunetta ed è stato confermato sotto i governi Monti e Renzi, mentre Letta lo aveva mandato all'Università per affiancare l'allora ministro Maria Chiara Carrozza. Ora, come detto, l'esperienza a fianco della Madia. 

La relazione con Napolitano Junior - Il ministro Pd con l'abitudine di cambiare casacca politica molto spesso (al Nazareno si è infilata praticamente in tutte le correnti, da D'Alema a Veltroni, da Letta a Renzi) torna accostata al Quirinale, dunque, sia pure in via del tutto laterale. Era stata lei, qualche mese fa, a confermare in una intervista a Vanity Fair la sua relazione giovanile con il figlio del predecessore di Mattarella sul Colle, Giorgio Napolitano. Il legame con Giulio è "durato qualche mese. Ci siamo conosciuti quando, dopo essermi laureata alla Sapienza in Scienze politiche con indirizzo Politica economica, collaboravo all'Arel, il centro studi fondato da Andreatta - spiegava la Madia -. L'elezione di suo padre al Quirinale nel 2006, quando avevo seguito Enrico Letta che era diventato sottosegretario di Prodi al governo, ci sorprese tutti e penso abbia inciso sulla fine della nostra storia, che fino ad allora era stata vissuta con spontaneità". E' l'amaro risvolto della medaglia della vita da burocrati di Stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • morbelligianfranco

    03 Febbraio 2015 - 12:12

    mi fanno tutti schifo questi signori della casta, loro non sanno quanti sacrifici sono costati alla povera gente e quante privazioni noi del popolo dobbiamo fare per sopravvivere. Ma dove sono quelli dell'ISIS?

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    02 Febbraio 2015 - 16:04

    .....conflitto d'interessi ????? o no !!!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    02 Febbraio 2015 - 16:04

    "..Marianna Madia, la titolare della PA ha avuto un legame con Giulio Napolitano, erede di Giorgio, e ora è il datore di lavoro di Bernardo Mattarella, primogenito di Sergio. Il 47enne docente di Diritto amministrativo, infatti, è oggi capo dell'ufficio legislativo del ministro Madia, con uno stipendio da 125mila euro lordi all'anno...". Figlia della Casta la Madia come Napolitano e Mattarella...

    Report

    Rispondi

  • alvit

    02 Febbraio 2015 - 11:11

    ma perchè tutti i figli di t@@@@, con un genitore in politica devono finire sulle spalle dei cittadini e mantenuti vita natural durante? Questi si piazzano, copulano con altri soggetti nelle stesse condizioni e generano altri nullafacenti supportati da noi per tutta la vita. Quando ci sarà una legge che prevederà che nessun parente prossimo, dei disonorevoli, potrà essere fra gli eletti mantenuti

    Report

    Rispondi

    • Oceanoneri

      02 Febbraio 2015 - 17:05

      Ottimo e coraggioso commento

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog