Cerca

Aveva 89 anni

È morto l'imprenditore Michele Ferrero, era l'uomo più ricco d'Italia

È morto l'imprenditore Michele Ferrero, era l'uomo più ricco d'Italia

È morto a a 89 anni Michele Ferrero, uno degli ultimi capitani d'industria in Italia, fondatore e proprietario dell'omonimo gruppo leader del settore dolciario. La storia dei Ferrero nasce con il padre Pietro che nel secondo dopoguerra avvia un laboratorio di pasticceria ad Alba. Alla morte di suo padre, Michele Ferrero a 32 anni assume la guida dell'attività, sostenuto e coadiuvato dallo zio e dalla madre che gli permettono di organizzare l'azienda in pieno sviluppo, inventando alcuni dei prodotti che sono entrati di diritto nell'immaginario collettivo, uno su tutti la Nutella. Cavaliere del lavoro dal 1971, nel 2014 la rivista Forbes lo ha certificato l'uomo più ricco d'Italia con un patrimonio di 23,4 miliardi di dollari, piazzandolo al 29mo posto tra i più facoltosi al mondo. Dal 1997, Michele Ferrero aveva passato la gestione dell'azienda ai figli Giovanni e Pietro, quest'ultimo morto nel 2011 durante un'impegno sociale in Sudafrica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • triestino48

    17 Febbraio 2015 - 19:07

    Per collezionista. grazie a questo SIGNORE, l'Italia è conosciuta nel mondo per la grande qualità dei suoi prodotti. Tutti sanno che cos'è la Ferrero. In tutto il mondo conoscono il TicTac, la Nutella o Nocilla. Se senti parlare la gente che ha lavorato con lui, non fa altro che parlare bene e sentiranno la sua mancanza. Bisogna riconoscere il valore delle persone e non sputare odio come fai tu.

    Report

    Rispondi

  • collezionista

    16 Febbraio 2015 - 19:07

    Prodotti schifosi venduti a peso d'oro da un signore residente all'estero da decenni. Certo non è un benefattore dell'unanità! L'impegno sociale in Sudafica era di sfruttare i negri con salari da fame e produrre a quattrosoldi le sue care leccornieda vendere nei paesi ricchi.

    Report

    Rispondi

  • perigo

    perigo

    16 Febbraio 2015 - 13:01

    Sbaglio o aveva la residenza all'estero da decenni.? Sbaglio o la sua società aveva sede a Lussemburgo? Sbaglio o in Italia chi fa le due cose singolarmente o addirittura in combinata viene considerato dal volgo come "evasore fiscale". Mi spiegate perché per Ferrero e per gente come lui non vale la "regola" per cui i media mettono a ferro e a fuoco la pazienza degli Italiani?

    Report

    Rispondi

  • sgnacalapata

    16 Febbraio 2015 - 09:09

    Sto leggendo con un vasetto di nutella davanti a me... RIP.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog