Cerca

Livore e delirio

Romano Prodi: "L'avanzata dell'Isis in Libia? Colpa della Francia e di Silvio Berlusconi"

Romano Prodi

L'Isis avanza, si sta prendendo la Libia. L'Italia ora è a portata di missile ed è entrata ufficialmente nella lista di Paesi nemici dello Stato islamico, tanto che Paolo Gentiloni è stato definito ministro "dell'Italia crociata". L'allarme è rosso, dunque. Ci si trova davanti a una catastrofe. Catastrofe per la quale "la colpa è nostra, dell'Occidente", almeno secondo Romano Prodi. Ma non è tutto. Perché intervistato da Il Fatto Quotidiano, il Mortadella a cui non è riuscita l'ascesa al Colle, individua anche un altro responsabile per l'avanzata del Califfato: Silvio Berlusconi.

Livore e delirio - "Cosa bisogna fare non lo so - spiega Prodi -. Oggi non lo so più, mi creda. So bene quanto si sarebbe dovuto fare dopo la caduta di Gheddafi. Bisognava mettere tutti attorno a un tavolo, invece ognuno ha pensato di poter giocare il proprio ruolo". E ancora: "Si tratta di un errore nostro. Delle potenze occidentali. La guerra in Libia del 2011 fu voluta dai francesi per scopi che non lo so... certamente accanto al desiderio di ristabilire i diritti umani c'erano anche interessi economici, diciamo così". E l'Italia, per l'ex premier, "ha addirittura pagato per fare una guerra contro i propri interessi". Si arriva dunque a Berlusconi, che "si è fatto trascinare dalla Francia ed è entrato in guerra. Il presidente del Consiglio in carica era Silvio Berlusconi. Adesso la Libia è caduta nell'anarchia e nel caos più assoluti". Chiaro, no, il sillogismo di Prodi? Tutta colpa del Cavaliere se oggi lo Stato islamico è alle porte di casa nostra. Parola di quello che avrebbe potuto essere il presidente della Repubblica più parziale della storia repubblicana...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudio franza

    14 Marzo 2016 - 18:06

    Mi suona strano. Io ricordo la grande amicizia propagandata e mostrata ai tempi tra Berlusconi e Gheddafi. Oggi scopro che invece la storia racconta l'esatto opposto. Mah!

    Report

    Rispondi

  • giusepperuotolo

    08 Marzo 2016 - 22:10

    Taci, Emerito Cialtrone e Miserabile VERME !!!

    Report

    Rispondi

  • zenocarino

    25 Febbraio 2016 - 09:09

    Già, ma -a quei tempi- Capo dello Stato e delle Forze Armate era un certo Napolitano (ex PCI) dello stesso partito di Prodi.

    Report

    Rispondi

  • newembassysas

    23 Febbraio 2016 - 09:09

    Vorrei sapere di cosa si fa l'amico Romano!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog