Cerca

Diritti negati

Vendola si confessa: "Sono gay e ho paura"
Nella Roma di Alemanno non esco da solo

Il leader di Sel racconta dei messaggi pieni di insulti che riceve ogni giorno

Nichi Vendola

Nichi Vendola

 

La vita di Nichi Vendola non è quella di un politico qualsiasi. Lui prima ancora di essere il governatore della Puglia, leader di Sinistra e Libertà, uomo forte della coalizione di centro-sinistra in corsa alle elezioni, viene considerato dalla maggior parte dei suoi avversari e detrattori un omosessuale e come tale da insultare e minacciare. E ora Nichi ha paura. Lo dice lui stesso in una intervista rilasciata al "Fatto Quotidiano" raccontando degli odiosi messaggi che riceve quotidianamente. L'ultimo lo ha pubblicato su Fb un militante di Casapound. E prima c'era stato l'assessore renziano, poi il pidiellino sardo e perfino Renato Brunetta

"Questo clima mi impone di limitare gli spazi della mia vita privata", confessa a Paola Zanca. "Sono costretto a gestire ogni mossa con molta prudenza. Se a Roma di sera mi viene voglia di fare due passi da solo, rinuncio". Poi spiega: "La Capitale negli anni di Alemanno ha visto lo sdoganamento dei piccoli gruppi dediti all'igiene del mondo. Non puoi non pensarci quando per un minuto cerchi di essere una persona normale che vuole prendersi un gelato a Campo de' Fiori". Vendola puntualizza: "Ho fatto coming out a 18 anni, in un paesino del Sud con sofferenza e solitudine. Oggi sono il governatore di una grande regione meridionale, solo il leader di un partito. Mi sono fatto grande, ho i capelli bianchi. Sono caduto e mi sono rialzato". Però ha ancora paura.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    05 Agosto 2014 - 13:01

    A questo politico arrogante, presuntuoso e sbagliato, non è possibile augurare del bene. Lui che se ne è sempre fregato del prossimo che subdolamente ha sempre difeso

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    05 Agosto 2014 - 11:11

    Su , Vendola, una lacrimuccia: "Voglio la mammaaaaa...". Poverino, ha paura ad uscire, lui. Neanche un gelato in santa pace, può andarsi a prendere. Che tristezza. Ma si consola sghignazzando alle spalle dei licenziati Ilva, lui. Un personaggio più squinternato, i pugliesi non potevano sceglierselo, come governatore.

    Report

    Rispondi

  • penelungo

    21 Marzo 2014 - 16:04

    ...........................................finalmente e' la prima cosa giusta che dici!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    06 Febbraio 2013 - 16:04

    Da soli non vanno mai in giro, hanno la loro scorta. Poi come tutti i gay che vogliono sbandierare la loro voglia di matrimonio e di paternità se la vanno proprio a cercare. La normalità non rientra in quei parametri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog