Cerca

Lo strappo

Forza Italia, Fitto pensa di mollare il partito e candidarsi governatore

Forza Italia, Fitto pensa di mollare il partito e candidarsi governatore

Raffaele Fitto non esclude nulla. Quando ieri pomeriggio sono cominciate a circolare le voci di una sua possibile candidatura alla presidenza della Puglia, il ribelle azzurro non smentisce, anzi. "Stanno eliminando dalle liste della Puglia tutte le persone a me vicine. Candidarmi a governatore? Non ho deciso niente", si sarebbe sfogato Fitto secondo il retroscena di Tommaso Labate per il Corsera. "Ma non posso più escludere nulla. Se continuano queste furbate, ci penserò nei prossimi giorni. E che sia chiara una cosa: io non mi faccio una listina nella coalizione insieme a Forza Italia. O sto con Forza Italia o vado fuori".

"Fantapolitica" - La notizia di una possibile fuoriuscita dal partito di Fitto e la corsa in solitaria in stile Tosi viene però bollata da Palazzo Grazioli come "fantapolitica". D'altronde, ripete il consigliere politico di Silvio Berlusconi, Giovanni Toti, "sono andato io in persona, tempo fa, a chiedere a Fitto di candidarsi a governatore in Puglia. E lui mi ha opposto un no secco". Obiezione che Fitto respinge al mittente: "Questa è una furbata. Io avevo già dichiarato il mio pieno sostegno alla campagna di Schittulli (il candidato appoggiato dai forzisti in Puglia). Ma l'epurazione di tutte le persone a me vicine dalle liste è un colpo basso. Spero che il partito faccia un passo indietro. Altrimenti sarò costretto a prendere delle decisioni con i pugliesi, nei prossimi giorni".

L'idea del Cav - Da parte sua Berlusconi sta cercando il modo per convincere Fitto a desistere, anche se in molti sostengono che sarebbe pronto a lasciar vincere il segretario regionale del Pd, Michele Emiliano, candidato del centrosinistra ritenuto il favorito di questa competizione elettorale, pur di distruggere il dissidente. Intanto il candidato ufficiale del centrodestra, Schittulli, malgrado il putiferio, ha deciso di non fare passi indietro, anzi: "Ero il candidato del centrodestra, sono il candidato del centrodestra e rimango il candidato del centrodestra. Ho lavorato per unire tutte le componenti, per ricompattare, con l'unità si vince".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vittori0

    22 Marzo 2015 - 16:04

    Il sig EMILIANO sentitamente ringrazia.

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    21 Marzo 2015 - 15:03

    L'unita secondo il califfo.Berlusconi e un vanitoso arrogante,va distrutto prima che lo faccia la viagra.

    Report

    Rispondi

blog