Cerca

La polemica

Giulia Ichino lavora in Mondadori:
"Posto fisso da quando aveva 23 anni"
La precaria contro la figlia del montiano

Chiara Di Domenico, dal palco di un seminario Pd, denuncia: "Suo padre lotta per la flessibilità mentre lei fa la editor da subito dopo la laurea. Strano..."

Giulia Ichino lavora in Mondadori:
"Posto fisso da quando aveva 23 anni"
La precaria contro la figlia del montiano

 

La figlia di Pietro Ichino, il giuslavorista ex senatore Pd passato di recente nelle liste di Mario Monti, ha un posto fisso da 12 anni, assunta appena laureata in Lettere, quando di anni ne aveva 23, come editor dalla Mondadori di Silvio Berlusconi. Un posto da sogno, che pochi giovani italiani potevano permettersi già prima della crisi. E che ora appare ai più come un miraggio vero e proprio. A puntare il dito contro di lei, Giulia Ichino, direttamente dal palco di un seminario del Partito democratico, è stata una precaria 36enne, Chiara Di Domenico, che come la figlia di lavora in una casa editrice, la romana L'Orma, ma senza contratto indeterminato. La vicenda sa un po' di regolamento di conti. Politico, perché Ichino ha da poco appunto lasciato il Pd. Sociale, perché tra precari e privilegiati (o presunti tali) il gap è ormai incolmabile. E pure ideologico, visto che Ichino è uno dei maggiori sostenitori della "flessibilità" in salsa progressista.  "Non è un po' un paradosso che Ichino lotti per maggiore flessibilità mentre la figlia lavora sempre nello stesso posta da 12 anni?", si è lamentata la Di Domenico in un'intervista ad HuffingtonPost Italia

Figli di e privilegiati - "La verità - diceva Chiara dal palco del Pd - è scandalosa, ma lo status quo è osceno. Io mi sono stufata di vedere mogli di, figli di, fratelli di nei posti migliori. Io faccio nomi e cognomi: Giulia Ichino, a 23 annì, è stata assunta come editor della Mondadori. Della più grande casa editrice italiana, a soli 23 anni, mentre un mio amico, giornalista precario per un quotidiano di sinistra, resterà precario chissà fino a quando". Parole dure che hanno mosso a compassione Pierluigi Bersani, che al termine dell'intervento l'ha abbracciata. Nessun rancore personale, per carità: "Ci tengo a precisare che il mio intento non era puntare il dito contro qualcuno ma segnalare un fatto. L'assunzione può anche essersela meritata per le sue capacità, certo, però mi permetta una domanda - spiega su Huffington -. Quanti come lei sono riusciti a farsi assumere a quell'età?". E probabilmente l'essere choosy, per dirla alla Elsa Fornero, anche qui c'entra poco o nulla.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • donatello 22

    08 Febbraio 2013 - 09:09

    Prima di andare al voto suggerisco di leggere l'articolo di Alberto Monteverdi su Europinione.it (molto esaustivo per tutti), dal titolo promettono di ridurre le tasse...... Suggerico a Belpietro di riprendere questo articolo e di pubblicarne una sintesi su Libero. Basta prese per il c. da questa casta politica marcia e ladra.

    Report

    Rispondi

  • pedralb

    08 Febbraio 2013 - 08:08

    Chiedete a Scalfari dove lavora sua figlia......per chi... non lo sapesse è dipendente di Canale 5 a Roma. Ogni scarrafone è bello a mamma soja ...

    Report

    Rispondi

  • neta94

    08 Febbraio 2013 - 08:08

    Non conosco ne' la Ichino ne' la Di Domenico ne le loro capacita', vorrei far notare che 12 anni fa quando la Ichino e' stata assunta in Mondadori, il mercato del lavoro era molto diverso da quello attuale.

    Report

    Rispondi

  • specie

    08 Febbraio 2013 - 07:07

    Controllate anche le assunzioni di altri, tipo: cognomi che gravitano tra giornali e televisioni, Berlinguer, Augias,........ AZZARDO, sono parenti d che, in coro, risponderanno: " ....assunti per alti meriti e magari tramite concorsi (plotati all'italiana)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog