Cerca

Emanuele Boschi

Banca Etruria: c'era il fratello della Boschi al controllo dei crediti deteriorati

E tre. Dopo Maria Elena (ministro) e Pier Luigi (ex vicepresidente della ormai famigerata Banca Etruria) c'è un terzo Boschi che balza alla ribalta delle cronache nazionali. Si tratta di Emanuele, figlio di Pier Luigi e fratello di Maria Elena. Di lui, finora, i giornali si erano occupati solo in occasione delle nozze alle quali era intervenuta la bella ministra. Oggi, invece, il quotidiano "Il giornale" lo infilza per il ruolo che ricopriva nella banca "di famiglia".

In Etruria, infatti, Emanuele era entrato ben prima del padre Pier Luigi: nel novembre 2007. E negli anni ha fatto carriera. Come riporta il quotidiano di via Negri, fino al novembre 2012 è stato process analyst, poi cost manager fino all'ottobre 2014 e infine program and cost manager tra ottobre 2014 e marzo 2015, proprio nel pieno della ccrisi dei titoli della banca. Essendo a capo del servizio di controllo dei costi, lavorava coi crediti deteriorati proprio quando, egli stesso lo scrive in un rapporto a Banca d' Italia, "gli organi amministrativi hanno prestato scarsa attenzione al contenimento delle spese per consulenze, che nel biennio 2013-2014, sono ascese a oltre 15 milioni".

Boschi junior ha lasciato Banca Etruria a marzo 2015, (appena sette mesi prima del dissesto), appoggiandosi per alcune settimane allo studio fiorentino di Luciano Nataloni, in via delle Mantellate 8, commercialista ed ex membro del cda della stessa Etruria. Nataloni è indagato per conflitto d' interessi dalla procura di Arezzo per i finanziamenti erogati dalla banca a 14 società vicine a lui e all'ex presidente Lorenzo Rosi, che avrebbero causato 30 milioni di euro di buco.

Banca Etruria, attraverso Nataloni, autorizzava finanziamenti sciagurati a queste aziende sull' orlo del baratro, che non davano alcuna garanzia di rientro. Nel giugno 2015 Emanuele Boschi lascia lo studio commerciale e si trasferisce a pochi passi, al civico 9 della stessa via, chiamato da Francesco Bonifazi, tesoriere del Partito democratico, parlamentare, avvocato ed ex fidanzato della sorella Maria Elena. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    22 Gennaio 2016 - 15:03

    Un bellissimo quadretto di "mafia" PD/toscana . E si diceva che esistesse solo al sud.

    Report

    Rispondi

  • eziocanti

    22 Gennaio 2016 - 14:02

    E andiamo.....la bella Boschi non ha alcuna responsabilità "a prescindere", è una del PD, quindi - al contrario di altri -...."poteva non sapere". Saluti a tutti gli allocchi trinariciuti che credono a tutte le panzane che "il cerchio magico" propina loro.

    Report

    Rispondi

blog