Cerca

Cultura in lutto

Quando Umberto Eco diceva: "Odio Il nome della rosa"

Umberto Eco

"Il nome della Rosa" è stato il primo romanzo di Umberto Eco, studioso e scrittore italiano scomparso ieri. L'autore, nel 2011, si era espresso senza mezzi termini su quello che viene considerato il suo capolavoro narrativo: "Odio quel libero. Ne ho scritti altri 5 e mi sono venuti tutti molto meglio". 

La dimostrazione che spesso i gusti di autori e pubblico non combaciano. 

Nato ad Alessandria, Eco è morto all'età di 84. È stato un fine intellettuale e dopo aver conseguito la laurea in filosofia all'Università di Torino si è distinto in diversi campi. In particolare ha dato un importante contributo agli studi di semiologia, disciplina che ha riportato anche nelle università italiane. Nel 1980 l'esordio nella narrativa con "Il nome della Rosa", romanzo vincitore del Premio Strega nel 1981.

L'ultima opera di Eco pubblicata è "Numero zero" che scava nel mondo del giornalismo. Pronto per la pubblicazione anche "Pape Satàn Aleppe", raccolta delle Bustine di Minerva, la rubrica di Eco sull'Espresso dal 2000 ad oggi sul tema della società contemporanea. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franzkeks

    23 Febbraio 2016 - 12:12

    Senza questo libro, avrebbe fatto la fine di professorino di sinistra, con quel linguaggio che non capisce nessuno, nemmeno lui medesimo.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    22 Febbraio 2016 - 20:08

    quasi contemporaneamente a Umberto Eco sono morti due giganti della letteratura e della cultura: l'antropologa e scrittrice IDA MAGLI e il critico musicale e scrittore BUSCAROLI. Nessuno ne ha parlato, nemmeno Libero (forse perchè i due citati non erano di sinistra?)

    Report

    Rispondi

  • pat59

    21 Febbraio 2016 - 16:04

    Ha offeso l'italiano medio- basso che negli anni '60 Mike Bongiorno ha "acculturato" un minimo , per quello che la TV poteva fare , e lo ha divertito. Il prof. Eco, chiuso nei suoi salotti radica- chic, non ha mai avvicinato il popolo, né ha mai voluto farsi capire, attraverso i suoi scritti. L'eterna contraddizione della sx, a partire dai ribelli poeti romantici!Odiava B. e i social. Che dire?

    Report

    Rispondi

  • spaccoilrosso

    21 Febbraio 2016 - 13:01

    Mediocre sinistro!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog