Cerca

Lo schiaffo del critico d'arte

Vittorio Sgarbi, sfregio agli islamici. "Allah...?": la sua frase-terremoto

Vittorio Sgarbi, la soluzione definitiva al terrorismo islamico:

Vittorio Sgarbi, in un lungo intervento sul quotidiano Il Tempo, illustra quella che secondo lui è la soluzione al terrorismo.  "Contro la guerra, la violenza e il terrorismo occorre ripartire dalla Croce, anzi, dalle Storie della Vera Croce, di Piero della Francesca", scrive Sgarbi. Il critico dà ragione a Oriana Fallaci, "offesa dalla sinistra per averci messo in guardia".

Sgarbi poi analizza la situazione geopolitica: "L’asse che funziona è quello voluto da Putin e che ha portato a una diversa situazione rispetto ai mesi scorsi. Quella è la guida, che non corrisponde alle erronee posizioni guerrafondaie in astratto di Hollande, come di Sarkozy prima di lui. Da un lato abbiamo un asse Putin-Assad che funziona e i cui punti forti sono agire in maniera concreta contro i santuari del terrorismo, come è avvenuto anche in Egitto".

Sgarbi parla anche del premier italiano Matteo Renzi: "Se la posizione di Renzi è in difesa della nostra cultura è positiva, perché noi dobbiamo avere l’orgoglio delle nostre radici cristiane. Sono la ragione stessa dell’Occidente, della libertà, della democrazia, della libertà della persona e di quella della donna. Questo è un dato che si contrappone al fuoco della forza brutale che trae però origine da una convinzione religiosa".

Il critico non risparmia  Allah e il Corano: "Che il loro dio esista è una realtà abbastanza discutibile, ma per quel dio loro sono pronti a morire. Una fede così assoluta muove il mondo e dalla nostra parte ci sono un’acquiescienza e una tolleranza per le quali non si identifica un’idea di occidente. Quello che dice Renzi va condiviso come difesa della nostra identità, una difesa che non è militare, ma di idee e di pensieri". 

Sempre sul tema terrorismo, Vittorio Sgarbi si è espresso anche su Facebook con un post dal titolo "Siamo tutti ebrei": "Siamo arrivati al momento che avevo previsto. Ormai viviamo come Israele", ha scritto Sgarbi", "nella continua minaccia di attentati. E siamo, rispetto agli israeliani, inermi, impauriti, senza gli strumenti per difenderci". "Intorno a noi la crudeltà e la violenza, in nome di un Dio che non c'è", prosegue l'intellettuale, "determinano continue stragi degli innocenti. Non si colpisce il nemico, ma si uccide l'uomo perché cristiano, perché occidentale, con la stessa cieca violenza di Hitler contro gli ebrei". Ma mentre Israele reagisce, conclude Sgarbi, "noi siamo vittime senza governi, individui esposti alla morte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierinod

    04 Aprile 2016 - 16:04

    Sgarbi ha il grande pregio di dire sempre quello che pensa e rispetto ad un paese pieno di pennaioli decerebrati capaci soli di ripetere slogan inconcludenti è un vero gigante. Qualche volta potrà anche andare sopra le righe ma in questo caso sottoscrivo al 110 % le sue considerazioni !

    Report

    Rispondi

  • ohmohm

    ohmohm

    25 Marzo 2016 - 22:10

    mussulamni ....c'avete rotto !

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    25 Marzo 2016 - 22:10

    Lascia stare il pinocchietto ed i valori di cui va cianciando un giorno sì e l'altro pure! Ma quali valori! Quelli demoliti uno ad uno, da sx e cattocomunisti, nel corso degli ultimi decenni e che non esistono più. Oltre quelli quali altri dobbiamo veder sparire? Si parla tanto di integrazione, ma che gli diamo in cambio: solo gay, lesbiche e figli in provetta mentre loro razzano come conigli.

    Report

    Rispondi

  • belzebù

    25 Marzo 2016 - 09:09

    E Maometto un falso profeta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog