Cerca

Siluro scentrato

Di Maio: "Renzi come Pinochet". Occhio alla tragica gaffe: cos'aveva scritto prima

Di Maio: "Renzi come Pinochet". Occhio alla tragica gaffe: cos'aveva scritto prima

"Matteo Renzi come Augusto Pinochet, e sappiamo come è finita". A scriverlo su Facebook è il premier in pectore del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, alzando non di poco il tono dello scontro in vista del referendum costituzionale. C'è però un problemino. A qualcuno, molto lesto, non è sfuggito lo strafalcione geo-politico. Sul post originale, poi modificato e corretto, Di Maio ha scritto "come ai tempi di Pinochet in Venezuela". Un po' di confusione, dal momento che Pinochet è stato un dittatore cileno e non venezuelano.

L'attacco durissimo - Al di là della gaffe (che corona un periodo un po' sfortunato per il big grillino), le sue parole contro Renzi sono durissime: "I suoi comizi sono diventati un problema di ordine pubblico - scrive Di Maio -. Le feste de l'Unità, quando le frequenta lui, diventano Fortknox. Mentre lui arringa poche centinaia di persone sulle ragioni - meglio chiamarle bugie - del Sì, il suo Ministro dell'Interno fa manganellare i cittadini, fa allontanare chi sostiene il No ed il tutto viene oscurato sistematicamente dai direttori dei TG che ha appena nominato". "Il referendum di ottobre, novembre o dicembre (ci faccia sapere la data, quando gli farà comodo) lui stesso lo sta facendo diventare un voto sul suo personaggio che ha occupato con arroganza la cosa pubblica, come ai tempi di Pinochet in Cile. E sappiamo come è finita. Noi continueremo a raccontare i pericoli della Riforma Costituzionale, il nostro obiettivo è salvare la Carta fondamentale del Paese dalle sue oscene modifiche. Questa non è una riforma, è un attentato alla democrazia".

Pd furioso - "Associa Renzi a Pinochet. Conosce la storia e la democrazia? Per fare politica occorre studiare e fare attenzione al linguaggio!", scrive su Twitter la vicepresidente Pd del Senato, Valeria Fedeli, a proposito delle parole di Di Maio. "Ha un ruolo istituzionale, dovrebbe stare più attento alle cose che dice e conoscere la storia prima di avventurarsi - aggiunge Fedeli - in analisi completamente fuori luogo". "Di Maio, con l'acqua alla gola, cerca di sviare l'attenzione dai suoi fallimenti e dalle sue menzogne con paragoni ignobili - attacca Emanuele Fiano, componente della segreteria Pd -. Chieda scusa, in primis, alle vittime della criminale dittatura cilena che lui usa per la sua propaganda indecente. Per quanto riguarda i suoi attacchi, possiamo solo compatire tanta meschinità che non coprirà certo il fallimento delle proposte dei grillini di fronte alle prove di governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu_ing

    13 Settembre 2016 - 20:08

    Scusato, cosa? Cosa siete detto? Pino scetto u venenzuelano?, ma che quiss e d forcell u pajes di gigino di maio, quill ditt u gnorante, si capit? Abbrav

    Report

    Rispondi

  • Zerouno

    13 Settembre 2016 - 20:08

    Di Maio è abbastanza preciso negli interventi; occorre riconoscerlo e se qualche volta sbaglia, come normale, non fatene un tuono da uno starnuto. Con troppa facilità in questo giornale usate il verbo DEMOLIRE, UMILIARE, come se i personaggi che difendete siano dei super saggi ed imbecilli gli altri. Un pò di modestia per favore.

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    13 Settembre 2016 - 17:05

    eh vabbe' mo stiamo aguarda' er capello....e' ragazzo....e' ragazzo.....ma ve lo immaginate un tipo del genere premier?se renzi fa ca...re dalle risa,questo porta dritti al suicidio....grillini...se li conosci,li eviti....come la peste

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    13 Settembre 2016 - 17:05

    povera italia! l'italia é in mano a un popolo di caproni votanti che hanno fatto dei due peggiori partiti formati da arroganti e ignoranti ....la maggioranza al voto (forse.. visto che "solo" il 3° governo non votato) ! ... il rimanente 40% degli aventi diritto.... ormai schifato, ed evidentemente senza un partito degno del proprio voto.... non va neanche più a votare! NON RIMANE CHE IL BARATRO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog