Cerca

Ex Golden Boy

Diavolo d'un Rivera, il giudizio tombale su Silvio Berlusconi

Diavolo d'un Rivera, il giudizio tombale su Silvio Berlusconi

Da ragazzo Gianni Rivera era juventino. Intervistato da Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera, il numero 10 più forte nella storia del Milan, mito incontrastato del Diavolo, snocciola una chicca imprevedibile con la stessa nonchalance con cui ha mandato in gol Altafini, Prati, Chiarugi e Calloni nel corso di 20 anni di carriera. Nel lungo colloquio il Golden Boy regala almeno altri tre colpi di scena.

Nel 1966, dopo il fallimentare mondiale inglese, Rivera stava per lasciare la Nazionale: "Ct divenne Herrera, che voleva far giocare solo l'Inter. Per fortuna Brera mi riportò in Nazionale". Sì, proprio Gianni Brera, quello che glia aveva affibbiato il poco simpatico nomignolo di Abatino: "Lui mi aveva scelto come nemico. Ma guai a chi gli toccava Rivera. Se qualcuno mi attaccava, prendeva le mie difese. Quella volta mi invitò a cena da A' Riccione, il ristorante di pesce dove ogni mercoledì riuniva artisti e scrittori. E mi disse che, siccome stavo giocando bene e gli mancavo, avrebbe scritto che dovevo tornare in azzurro, e fatto sì che accadesse. Accadde".

Poi la fatidica domanda: "Con Berlusconi non vi siete presi. Come mai?". "Perché considera tutti al suo servizio, e nessuno alla sua altezza", è la glaciale sentenza di Rivera, che poi conclude parlando di politica, lui ex parlamentare della Democrazia Cristiana: "La Dc avrebbe governato altri 40 anni, se non le avessero cambiato il nome e avessero lasciato spazio a Segni". Oggi voterà no al referendum ma "l'unico punto di riferimento è papa Francesco".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luiss_sm

    30 Novembre 2016 - 16:04

    Ecco tutto spiegato, ha il peccato originale di essere stato "juventino" e per questo Berlusconi gli sta sulle balle, dimenticandosi cosa ha fatto per il Milan. Sarà anche vero che Berlusconi non ritiene nessuno alla sua altezza, ma quando aveva tempo e mezzi di mosse nel Milan ne ha sbagliate poche, quindi caro Rivera quale campione che sei stato, riconosci i meriti anche agli altri.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    27 Novembre 2016 - 18:06

    Peccato che Rivera voti NO.... Però la frase su Pirlusconi è bellissima, bravo!!!

    Report

    Rispondi

blog