Cerca

Lo scontro

Cacciari alla Madia: "Reddito di cittadinanza? Che puttanata"

Si parla del reddito di cittadinanza. Il filosofo si scalda e distrugge il Pd. Poi la veltroniana: "Era meglio discutere con uno del Pdl"

12 Aprile 2013

29
Massimo Cacciari e Marianna Madia

Cacciari vs Madia

 

Il solito fiume in piena, Massimo Cacciari. La solita voce fuori dal coro (del Pd) pronta a fare a pezzi il suo stesso partito. Da Michele Santoro, a Servizio Pubblico, nel mirino del filosofo ci finisce la veltroniana Marianna Madia. Si parla di crisi economica, e Cacciari spiega: "Dobbiamo sapere che se continueranno a crescere, come stanno crescendo, le disuguaglianze ci si gioca la democrazia". E ancora: "Per ottenere crescita industriale c'è bisogno di grande competenza e non di quei cretini come i grillini. Cessiamo di chiacchierare e confrontiamo i programmi". Quindi l'appello: "Serve una figura di grande rappresentatività e di grande competenza, perché le proposte attuali di minoranza non combineranno niente".

 

 

Reddito di cittadinanza - Così replica la bionda Madia, che spiega: "Ci terrei a dire che lunedì a mezzogiorno accompagneremo le tante firme che sono state raccolte sul reddito di cittadinanza". Una proposta grillina che il Pd sta cercando di far sua. Una proposta assurda. Anche per Cacciari, che la boccia a modo suo, senza alcun pelo sulla lingua: "E' una puttanata. E' una colossale puttanata". E da qui, è un crescendo. "Non raccontate palle sul reddito di cittadinanza", si scalda il filosofo contro la Madia. La bionda veltroniana ribatte: "Voglio difendere il reddito minimo perché in tutti i paesid dell'Europa avanzata c'è uno strumento che...". Ma niente da fare. Cacciari la stende, la interrompe, grida: "Piuttosto tagliate la legge Fornero. Oggi un imprenditore non può assumere".

"Era meglio uno del Pdl" - Il barbuto filosofo non le manda a dire. E umilia sia la Madia sia il Partito Democratico: "Chiacchiere! Chiacchiere continue, porca vacca. Dio Santo! Mamma mia". Si agita. E continua:" Defiscalizzate il lavoro, lasciate che gli imprenditori assumano". La Madia ci riprova: "Questa proposta c'è in tutti i paesi avanzati d'Europa, ed è importante perché se un uomo perde il lavoro gli permette di non finire in mezzo alla strada- Vogliamo chiedere all'Europa di essere più europei". E Cacciari? Il suo pensiero sul reddito di cittadinanza è già piuttosto delineato. Ma lo ribadisce: "Balle, balle". A questo punto la Madia alza bandiera bianca, stesa, distrutta: "Sarebbe stato più facile avere a che fare con un interlocutore del Pdl che con Cacciari...".

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jacksony

    15 Aprile 2013 - 20:08

    nel paese dove un parlamentare pesa economicamente sul cittadino il triplo di quello che pesa in altri paesi come francia e germania, dove il reddito di cittadinanza è garantito, parlare di reddito di cittadinanza è considerato eresia. E' ovvio, il filosofo cacciari deve assicurare ai suoi mecenate che le cose, da questo punto di vista, non cambieranno MAI !

    Report

    Rispondi

  • gioch

    15 Aprile 2013 - 17:05

    Lo spieghi ad Arellano che vuol conoscere una testa pensante del PDL.

    Report

    Rispondi

  • francori2012

    15 Aprile 2013 - 16:04

    Quelli del PD sono fusi.C'è da sperare che sotto l'Inpdap non ci sia qualche imbroglio.C'è rischio per le pensioni di chi ha lavorato una vita. Francori2012

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media