Cerca

Non solo nomine

Luigi Bisignani: "Se non ci fosse Minniti, sabato prossimo..."

3
Luigi Bisignani

Luigi Bisignani, dalla prima pagina de Il Tempo, fa il punto sul giro di nomine che ha riguardato i vertici delle partecipate statali. In particolare, mostra il suo disappunto per Alessandro Profumo, "mr. Arrogance" planato al vertice di Leonardo-Finmeccanica, "reduce dai disastri in Unicredit e in Mps, e senza nessuna esperienza industriale".

La critica di Bisignani è, però, generale: "La tornata delle nomine era un'occasione per dar spazio in posti chiave a manager competenti". Occasione perduta, e il perché lo spiega nomina per nomina. Dunque, nel mirino ci finisce il "mite Conte Gentiloni". Secondo L'uomo che sussurrava ai potenti, "è davvero un peccato che si sia prestato ad esaudire questo disegno, arricchendolo della nomina del suo più stretto collaboratore, Luca Bader, nel Cda di Finmeccanica".

Secondo Bisignani, con le nomine si conclude la "settimana nera" di Gentiloni: "Dopo lo schiaffo della Cgil sull'abolizione dei voucher, si presenterà debolissimo e sotto tutela davanti ai leader europei che sabato arriveranno a Roma per celebrare i 60 anni dei Trattati". Dunque, la cupa profezia: "Per quell'appuntamento c'è solo da sperare nella mano ferma del ministro dell'Interno, Minniti, perché eviti che la Capitale venga messa a fuoco e fiamme dai contestatori in arrivo da tutto il Continente. Ma almeno di Minniti ci si può fidare", conclude sibillino.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patriziabellini

    20 Marzo 2017 - 13:01

    Intanto oggi sono arrivati 3.000 migranti e tutto dopo gli accordi presi in Libia che sembrava avessero definitivamente risolto il problema. Ma vadano tutti a quel paese, incapaci, perditempo, sempre a litigare e a mettere insieme decine di partitelli utili solo a restare in politica. L'Italia sta annaspando disperatamente per non affondare del tutto, ve ne accorgete?

    Report

    Rispondi

  • indignata.it

    20 Marzo 2017 - 09:09

    Gentiloni e Mattarella, come li possiamo definire ? due pomeretti ? due morti che camminano ? o scemo e piùscemo ? E Minnitti ? il solito grillo parlante !! SIAMO MESSI PROPRIO BENE !!!

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    20 Marzo 2017 - 08:08

    Per favore smettetela con queste leccate a Minniti. È solo un venditore di fumo. Finora non ha fatto niente di niente. Nessuna espulsione, arrivo di migranti in aumento, prefetti e questori, che da lui dipendono, che si fanno in quattro per sistemarli anche a scapito degli italiani. Io dico che "codesto ministro (come il conte Mascetti) o è un gran bugiardo o s'è ridotto proprio come un disperato"

    Report

    Rispondi

media