Cerca

Il delirio di Oscar

Giannino torna (ancora) in politica:
"Punto al 15 per cento e vado con Renzi"

L'ex leader di Fare non molla. Vuole riprendersi il partito e prepararsi al voto: "Rappresento tutti i delusi"

Oscar Giannino

di Ignazio Stagno

A volte ritornano. Pure senza laurea. Accade a Oscar Giannino, ex leader di Fare per Fermare il declino che a quanto pare di farsi da parte non vuole sentirne. Anzi, passata la bufera su i suoi titoli accademici è pronto a tornare in pista. Così ieri a Roma, in vista del congresso di Fare previsto l'11 e il 12 maggio, ha organizzato un incontro per entrare ancora in partita. Il ri-debutto è stato delirante.

Ho il 15 per cento -  Giannino crede di avere un consenso a due cifre: "Il cammino politico di Fare rimane quello dare rappresentanza politica a quel 15% di elettori che non si riconoscono in questo sistema tripolare". Peccato che alle ultime elezioni Fare ha raccolto lo 0,91 per cento. Ma lui insiste: "Quel 15% di elettori c'è, il quadro uscito dalle elezioni ci spinge a dover dialogare con pezzi di queste forze politiche che sono rimaste deluse". Secondo il fondatore di Fare, il partito non deve "replicare la regola di dire no a chiunque abbia un passato politico".

Sono inferiore -  Poi dopo gli annunci e i proclama elettorali torna il buio. Qualcuno gli chiede ancora di quelle sue lauree mai conseguite e ostentate senza problemi: "Quello che è successo è stato dovuto a un mio complesso di inferiorità. Io pago per questo. I militanti però quando mi incontrano si ricordano molto di quello che ho fatto. Quello che mi è capitato mi impedirà di prendere incarichi politici. Sono un semplice aderente e continuerò a dare una mano".

Alleanza con Renzi -
Infine per cacciare via i ricordi scomodi, Giannino torna politico e guarda pure al futuro e avanza un'improbabile alleanza con il sindaco di Firenze: "Di sicuro l'ipotesi di un' alleanza elettorale di Fare con un Partito democratico guidato da Renzi è molto interessante. In campagna elettorale abbiamo detto che era stato un errore quello del Pd di fare primarie chiuse. Se ci fosse stato Renzi candidato, non ci sarebbero stati né Monti né Berlusconi. Il problema è che nello scorso ottobre la scelta di Renzi candidato premier sarebbe nata dagli italiani. Ora nascerebbe da un processo interno al partito". E lui con quel suo immenso bottino di voti potrebbe dargli una mano per la scalata a palazzo Chigi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Grundtvig

    05 Maggio 2013 - 18:06

    Se Matteo Renzi vuol giocarsi la carriera politica ha solo da caricarsi un vero "Impresentabile". Medita Renzi,medita!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    05 Maggio 2013 - 11:11

    Purtroppo alcune situazione ti hanno danneggiato, vedi di non darti la zappa sui piedi. Questo mandalo a cagare.

    Report

    Rispondi

  • gigino08

    04 Maggio 2013 - 21:09

    ancora date voce a questo buffone?

    Report

    Rispondi

  • serraglio

    serraglio

    04 Maggio 2013 - 16:04

    E si che all'apparenza sembrava una persona seria-ma perchè le spara cosi grosse,ci crede una manica di scemuniti o si è fumato il cervello?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog