Cerca

Il caso

Kyenge: "Calderoli lasci il posto a chi è capace"

Dopo tre mesi di attacchi il ministro sbotta: "E' arrivato il momento di dire basta"

Cecile Kyenge

Cecile Kyenge

"E' arrivato il momento di dire basta". Cécile Kyenge avrebbe voluto trascorrere una tranquilla domenica d'estate, e invece l'ha passata al telefono. Prima con tutti coloro che hanno voluto esprimerle solidarietà, poi con i giornalisti che volevano un suo commento, e infine pure con l'autore dell'insulto: il vicepresidente del Senato. Roberto Calderoli dopo il vespaio di polemiche che ha sollevato paragonando il ministro dell'Integrazione a un orango ha dovuto prendere il cellulare e chiedere scusa. Scuse accettate, ha spiegato la Kyenge, ma c'è sicuramente un problema di ruoli istituzionali. Visto che Calderoli ha dimostrato di non sapere usare un linguaggio corretto, per il ministro, "forse bisognerebbe dare il suo incarico a chi è capace di farlo", ha detto il ministro in una intervista al Corriere. Tre mesi di insulti da parte del vice presidente di Palazzo Madama hanno lasciato il segno, e mentre in passato ha sempre cercato di smorzare i toni ("continuo per la mia strada, ognuno risponde delle sue opinioni", ha sempre replicato) adesso ritiene che sia il momento di fermare Calderoli. Anche perché quelle frasi ("Bongo, bongo, tornatene in Africa. Ma da che ramo è scesa?), unite agli attacchi di Forza Nuova stanno alimentando un clima di violenza verbale che spaventa. Riceve minacce "quotidianamente, con ogni mezzo. Lettere, email, telefonate. Le più terribili sono online, anche di morte. L'istigazione al razzismo sta diventando man mano istigazione alla violenza". Per questo Cécile ha voluto esprimere ancora una volta solidarietà a Mara Carfagna, anche lei oggetto di insulti e minacce sul web. 

Carfagna e le dimissioni di Calderoli -  "Le dimissioni di Calderoli sarebbero un bel gesto che dimostrerebbe un serio pentimento", ha detto il portavoce del gruppo Pdl alla Camera, Mara Carfagna, dopo le esternazioni del vicepresidente del Senato. "Ho fatto pervenire al ministro la mia solidarietà - aggiunge - bisogna prendere le distanze dal caso. E’ vergognoso, non è questa la politica che vogliamo". Per lei, "rivolgere solo le scuse è un rito formale, le dimissioni sarebbero un gesto sostanziale di pentimento sincero". Riferendosi anche agli attacchi al suo profilo Facebook postati da attivisti del Movimento 5 Stelle, Carfagna sottolinea che "il richiamo del Capo dello Stato va nella giusta direzione. Il confronto politico non deve mai prescindere dal rispetto reciproco".   "La deriva che Grillo ha purtroppo imposto al dialogo politico negli ultimi mesi fa preoccupare, deve assumersi le responsabilità di aver esacerbato il dibattito politico", ha concluso. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunospada

    02 Luglio 2014 - 19:07

    bisognerebbe si dare l'incarico alle persone giuste sig, kye-nghe ma il suo che non ha mai fatto un cazzo per gli Italiani ma ha usata la sua carica per i suoi compatrioti e dico proprio cosi'non è certo un ministro che abbia mai rispettati i veri Italiani in quanto a calderoli , a me sta benissimo cosi' sarà un pirla ma un pirla nostro.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    16 Luglio 2013 - 23:11

    Ma questo "ministro" a parte girare a nostre spese per l'Italia e dare cittadinanze onorarie a piccoli immigrati, cosa ha fatto davvero fino ad oggi a parte polemizzare con chi non la pensa come lei?? Quanto a Calderoli, ha sbagliato due volte perché la Kienge é un ministro e perché essendo nera avrebbe immediatamente strumentalizzato mediaticamente quel giudizio ma, sia chiaro, tutti indistintamente discendiamo dalle scimmie, quindi l'offesa é nel tono e nel lessico, ma non nella storia dell'evoluzione che oggettivamente ha fissato in modo autonomo, geografico e climatico tratti somatici ancestrali. Il resto é chiacchiericcio...

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    16 Luglio 2013 - 18:06

    "Forse bisognerebbe dare il suo incarico a chi è capace di farlo" Parole giuste, ma da quale pulpito provengono...

    Report

    Rispondi

  • carlex

    16 Luglio 2013 - 15:03

    Boldrini e soprattutto Kyenge ... le raccolgo io... ditemi il numero?? 500mila facciamo alla referendum?? un milione facciamo 10 milioni di firme... per esser democratici??? Basta con le vostre cazzate istigatrici... finitela subito e cominciate a far la valigia Viaaaaaaaaaa Subitoooooo!!!!!!!!!!! Ps. SILVIO stacca la spina che se ne vadano tutti affan..lo i sinistri ne ho le palle piene di saccenze e pensieri buonisti di sinistra (poverini gli immigrati, disadattati ecc)

    Report

    Rispondi

    • woody54

      15 Aprile 2015 - 13:01

      carlex Guarda che quando si parla di disadattati, tu sei il primo della lista! Coglione

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog