Cerca

"Ora basta interviste"

Pd, Renzi da Mentana: "Candidato solo con regole certe. Non faccio l'utile idiota"

Il rottamatore: "Io faccio la foglia di fico e loro governano? Non funziona. Ma da oggi sto zitto. E il governo si logora da solo...". D'Alema lo pugnala

Pd, Renzi da Mentana: "Candidato solo con regole certe. Non faccio l'utile idiota"

Per una volta, il tempismo di Enrico Mentana è stato perfetto. L'intervista a Metteo Renzi a Bersaglio Mobile su La7, fissata da tempo, non poteva cadere in un momento migliore per gli ascolti. Ma quanti si attendevano annunci-choc da parte del sindaco di Firenze (tipo: lascio il Pd e mi faccio un partito) sono rimasti delusi. Già il pre-voto interno al gruppo Pd del senato, nel pomeriggio, aveva fortemente indebolito la minaccia del rottamatore ad Alfano, e quindi a Letta: sono tre dei "suoi" tredici a Palazzo Madama si erano infatti astenuti sul "no" alla sfiducia al ministro dell'Interno, mozione (di Sel e M5s) che si voterà in aula oggi. A chi lo ha accusato di logorare il governo, Renzi replica secco: "Il governo si logora da solo, se non fa".

Nodo primarie - Il sindaco ha chiarito i termini di una sua eventuale candidatura alla segreteria del Pd. "Se ci sono le primarie aperte mi candido, se non saranno aperte non mi candido". Le figure di segretario e candidato premier non possono essere separate: "Credo non sia accettabile lo schema opposto - dice -. Se si fanno primarie aperte e non dove votano gli iscritti, devi raccontare che idea di Italia hai. Non puoi chiamare a votare 3 milioni di persone... Gli devi dire che idea di Italia hai. Se le primarie si fanno su questo, è evidente che il segretario del Pd non sarà solo segretario di un’organizzazione partitica".

"D'Alema dice no? Lo rispetto" - Poco prima del suo intervento a La7, Renzi era stato benevolmente (?) stroncato dal suo rivale della prima ora, Massimo D'Alema: "Renzi dice tante cose... Io gli voglio bene, è un grande talento, ma come ho letto oggi su un quotidiano, bisogna salvarlo da se stesso. Parla troppo, dichiara su tutto". Ma l'affondo più forte è sul suo futuro nel Pd: "Sarebbe un errore se Renzi volesse fare il segretario del partito, non lo appoggerei. Ma alla guida di un centrosinistra rinnovato sarebbe ragionevole che si candidasse e io lo appoggerei". "Rispetto l'opinione di D'Alema - è la replica garbata (e piccata) di Renzi -. Lui è uno di quelle persone che le cose mi l'ha dette in faccia, come io gli ho detto in faccia di andare a casa". 


"Non faccio l'utile idiota" - Una cosa è certa: Renzi non ha intenzione di fare la foglia di fico della vecchia dirigenza democratica. "Mi mandano solo in campagna elettorale, se ce l'hanno con me forse ho sbagliato io. Ma se c'è una caratteristica che non ho è mollare, non mollo". In attesa di capire quando sarà il congresso ("Sono certo che il segretario Guglielmo Epifani lo fisserà entro il 7 novembre", assicura) e se lui si candiderà segretario, il sindaco è categorico con i suoi detrattori: "L'dea che io faccia la foglia di fico, che faccio campagna elettorale e poi governano loro non funziona. Perché i voti li prendo se non ci sono loro. Non vinco io, perdono loro". "Non può funzionare il modello di una parte dirigente del Pd che dice Candidiamo un utile idota che ci porta voti e lì restiamo sempre noi. Non esiste che gli italiani ci caschino".


"Ora basta interviste" - Ma una rivelazione a suo modo scioccante, Renzi l'ha comunque fatta a Mentana: "Sono qui perchè avevamo preso questo accordo ma sono stanco delle troppe polemiche, per cui da domani basta interviste" ha detto. E ancora: "Da domani mattina l'alibi Matteo Renzi non c'è più, facciano quel che devono fare. Se riescono bene. Sia chiaro che io non sono piu' nella discussione, non mi vedrà fare mezza dichiarazione. Quel che dovevo dire l'ho detto". D'altra parte, per lui, giovedì è stata una giornata dura. Prima ancora che i suoi lo "tradissero" nel pre-voto interno sulla mozione di sfiducia a Alfano, in mattinata  il sindaco di Firenze era stato duramente "rimproverato" dal presidente Giorgio Napolitano, che aveva messo in guardia tutti dal fare passi che potessero mettere a rischio la tenuta del governo Letta. Meglio, quindi, abbassare i toni per togliersi dal mirino di Re Giorgio. Ma il loquace Matteo sarà davvero capace di tener fede alla dichiarazione resa da Mentana?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    19 Luglio 2013 - 13:01

    ...fare, purtroppo, un nuovo partito lasciando in discarica il vecchio zoccolo duro ellettorale del Pd, quelli con la 5^ elementare tanto per capirci, che ancora corrono dietro ai vecchi burocrati ex Pci. Di cittadini colti e moderni e stufi, e con la voglia di arrivare ai livelli del Nord europa, in italia, ce ne sono più che a sufficenza per garantire al suo nuovo partito un sostanzioso quorum , se non addorittura una vera maggioranza assoluta. E se non loo farà Renzi di sicuro uscirà fuori qualcun altro, è solo questione di tempo perchè la richiesta c'è ed è forte !!

    Report

    Rispondi

  • degrel0

    19 Luglio 2013 - 12:12

    invece è il solito politico quaquaraquà!

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    19 Luglio 2013 - 11:11

    tempo fa girava una sua foto vicino a quella di mister ben, forse era di Libero? se si ritiratela fuori.

    Report

    Rispondi

  • marcello marilli

    19 Luglio 2013 - 10:10

    è uno dei soliti chiacchieroni fiorentini che parla solo perchè ha la lingua ed una bocca da cui escono parole "liscate" che venendo sparate a raffica spesso sono incomprensibili. in questo devo dire che è bravo.però da cittadino fiorentino abitante da sempre a Firenze mi guardo intorno e vedo una città degradata ,sporca, infestata da estracomunitari ad ogni dove che fanno i loro bisogni dove possono ecc ecc. Non sono di sinistra, ma devo effermare che quando in comune c'era lo sheriffo Cioni questa fauna stava lontano dai semafori, non disturbava troppo, ed i sagrati delle ns belle chiese non erano luogo di pranzo od altro . insomma, si stava meglio di edesso certamente : tutto quanto esposto è facilmente riscontrabile girando nei luoghi più belli di questa degradata città. importante ,per questo logorroico sindaco è apparire e non fare per la città che è stato (purtroppo)demandato a governare. lui non si è ancora accorto di essere solo un utile idiota a cui faranno pagare ...........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog